News Online
24 giugno - Festività del santo patrono
Venerdì, 21 Giugno 2024

Informiamo che il giorno 24 giugno in occasione della festività del Santo Patrono, tutte le sedi...

Prosegui...

Bollettino Humidex
Venerdì, 21 Giugno 2024

Qui le indicazioni per Come affrontare il caldo estivo   Al link qui sotto il bollettino...

Prosegui...

IMAGECorso base per coadiutore del cane
Martedì, 11 Giugno 2024

ATS Brianza organizza l’evento formativo: "il corso base per coadiutore del cane". Il corso è...

Prosegui...

IMAGEGiornata mondiale della Sicurezza Alimentare
Mercoledì, 05 Giugno 2024

Giornata mondiale della Sicurezza Alimentare 2024   Dal 2019, il 7 giugno di ogni...

Prosegui...

Servizio Imprese

Commissioni di vigilanza sui pubblici spettacoli

1. Descrizione del procedimento

I luoghi deputati ad accogliere spettacoli pubblici sono soggetti a licenza rilasciata dall’autorità di pubblica sicurezza (Prefetto per l’ambito provinciale, Sindaco per l’ambito comunale).

A tal fine sono istituite la Commissione Comunale di Vigilanza (CCV) e la Commissione Provinciale di Vigilanza (CPV) rispettivamente presso il Comune e presso la Prefettura.

La SC Igiene e Sanità Pubblica partecipa quale componente alle Commissioni, effettuando, per quanto di propria competenza, la valutazione della documentazione allegata alla richiesta inoltrata presso il Comune o la Prefettura ed espletando attività di verifica, mediante sopralluogo, della sussistenza dei requisiti igienico - sanitari delle strutture e delle attrezzature allestite.

2. Uffici Competenti CPV: SC Igiene e Sanità Pubblica 

MODALITA' DI ACCESSO

Nulla deve essere presentato alla SC  Igiene e Sanità Pubblica in quanto la partecipazione alle commissioni è richiesta direttamente dal Comune o dalla Prefettura che trasmette la documentazione presentata dai richiedenti a tutti gli Enti coinvolti nel procedimento amministrativo per le eventuali verifiche di competenza.

3. Nome del responsabile del procedimento

Il responsabile della gestione del procedimento CCV è individuato nel Direttore della SC Igiene e Sanità Pubblica per le attività la cui vigilanza compete alla sua SC.

Il responsabile della gestione del procedimento CPV è individuato nel Direttore della SC Igiene e Sanità Pubblica

4. Modalità di accesso

Nulla deve essere presentato alla SC di Igiene e Sanità Pubblica in quanto la partecipazione alle commissioni è richiesta direttamente dal Comune o dalla Prefettura che trasmette la documentazione presentata dai richiedenti a tutti gli Enti coinvolti nel procedimento amministrativo per le eventuali verifiche di competenza.

5. Termine massimo per la conclusione dell'Iter

Date preventivamente fissate dal Comune o Prefettura di riferimento.

6.  Soggetto a cui è attribuito in caso di inerzia il potere sostitutivo

Direttore del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria

MODALITÀ: invio di una e-mail all'indirizzo di posta elettronica

Si richiede di evidenziare:

1) Nome e Cognome 2) numero di telefono 3) e-mail 4) oggetto della richiesta 5) nominativi delle persone della SC Igiene e Sanità Pubblica eventualmente già contattate per informazioni 6) Tempo trascorso per la mancata risposta alla precedente richiesta.


Tutti i servizi della ATS BRIANZA dedicati alle Imprese, Aziende e Attività

  • Dove e quando vengono erogati

 

 

Questa sezione del sito è dedicata alle Imprese. L’obiettivo è fornire alle Aziende un servizio accessibile, comprensibile, di immediata lettura con tutte le informazioni necessarie per orientarsi tra le diverse prestazioni/attività che l’ATS BRIANZA effettua per le imprese.

Le prestazioni disponibili sono state riclassificate per essere più facilmente rintracciabili. Nel menù a sinistra trovate le voci che raggruppano le prestazioni/attività rese dall’ATS BRIANZA. Cliccando sulla singola voce comparirà un menù a tendina con l’elenco delle prestazioni/attività connesse a quella voce. Cliccando sulla singola prestazione si potranno trovare, per ciascuna prestazione:

  • una scheda informativa con tutte le indicazioni necessarie per poter ricevere la prestazione, la descrizione, il costo, le modalità di accesso alla prestazione con l’indicazione dei servizi (sedi e orari) che le erogano;
  • la modulistica da presentare per ottenere la prestazione.

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Sottocategorie

 

 

 

 

Le statistiche confermano che l’uso di attrezzature di lavoro ovvero di impianti elettrici è causa di infortuni anche di grave entità.

(infortuni Regione Lombardia ).

E’ noto che le cause del fenomeno infortunistico sono molteplici e coinvolgono in varia misura ed interazione aspetti strutturali e tecnici, organizzativi e procedurali, di informazione e formazione, individuali e sanitari.

Questa ATS ritiene che la Prevenzione di rischi non si espleti solo attraverso i controlli ispettivi  ma anche attraverso azioni di informazione e promozione delle buone prassi.

Per converso, la molteplicità di norme concernenti la sicurezza sul lavoro e la parcellizzazione delle informazioni connesse a tale materia non rendono facile il compito alle imprese.

Allo scopo, nel rigoroso rispetto di quanto disposto dall’art. 10 D.lgs. n. 81/2008, il Servizio Impiantistica e della Sicurezza (SIS)  ha attivato un servizio finalizzato a fornire informazioni in materia di sicurezza relativamente agli aspetti connessi all’uso in sicurezza delle attrezzature di lavoro ovvero impianti soggetti al regime delle verifiche periodiche (apparecchi di sollevamento, PLE, attrezzature in pressione, impianti termici, impianti elettrici e ascensori) .

Il servizio fornito deve essere inteso come strumento a disposizione degli “stakeholders della sicurezza” (imprese, lavoratori, RSPP, RLS, ecc.) per ottenere gratuitamente indicazioni direttamente dall’organo di vigilanza e permettere loro di minimizzare i costi di transazione connessi alla ricerca di informazioni finalizzate all’ottemperanza degli obblighi di legge e alla riduzione degli infortuni.

 


dati 1

Dati casistiche &statistiche

Contiene dati, statistiche e studi epidemiologici

su infortuni sul lavoro e malattie professiional

   
   rendicontazione1      

         Rendicontazione

Dati di attività della

SC Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro  

        

   
 piani mirati1

Piani mirati di prevenzione

Materiali, documenti e slide dei PIANI MIRATI

di Prevenzione in Corso o Conclusi 

   
 COORDINAMENTO1

 Comitato Territoriale Coordinamento

Attività del

COMITATO TERRITORIALE

DI COORDINAMENTO
ex art. 7 del DLgs 81/08

   
 PRIMO

  Primo, non morire

Progetto che ha lo scopo di intervenire

“per priorità di danno” sulle cause degli infortuni mortali e

sui traumi maggiori; comprende analisi dei fattori di rischio e

indicazioni di prevenzione inderogabili

   
faq1

Documenti, Faq, Assistenza

Documenti prodotti per l’assistenza alle aziende,

risposte alle domande più frequenti in tema di sicurezza sul lavoro 

   

mailing1


                                                                 

News, eventi e Iscrizione mailing list

Comunicazione su eventi connessi alla prevenzione

nei luoghi di lavoro e attività di formazione.


ISCRIZIONE ALLE MAILING LIST

(per restare informati in modo selettivo sui temi di proprio interesse)



 

 

 

 

 

 

 

 


Salva

Salva

Salva