SETTING SANITARIO

 

 

PROMOZIONE DI STILI DI VITA FAVOREVOLI ALLA
SALUTE E PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO
COMPORTAMENTALI PROMOSSI NEL SETTING
SANITARI O IN SINERGIA CON GLI EROGATORI

 

 

In questo ambito l’indirizzo operativo è intercettare in campo sanitario (MMG, specialisti ambulatoriali, operatori dei PRESST….) i soggetti con presenza di fattori di rischio (sovrappeso,sedenteriatà, tabagismo, etc) e i soggetti con presenza di fattori di rischio e cronicità in fase iniziale al fine di proporre un miglioramento delle conoscenze dei fattori di rischio comportamentali e favorire lo sviluppo di competenze per il loro superamento avvalendosi delle reti di offerta territoriali (gruppi   di cammino, gruppo di lavoro interaziendale di disassuafezione tabagica, alimenti in salute).

Altra finalità è quella di stimolare la disponibilità al cambiamento dei soggetti secondo tecniche di counselling motivazionale e migliorare la health literacy attraverso campagna di educazione sanitaria mirate al target in coerenza con le azioni ,previste nel PRP(programma 6”prevenzione della cronicità”)recepite dalla DGR4662/2015”indirizzi regionali per la presa in carico della cronicità e della fragilità in Regione Lombardia 2016-2017 e DGR -x/6164 del 30/01/2017-“Governo della domanda: avvio della presa in carico di pazienti cronici e fragili-determinazioni in attuazione dell’art.9 della Legge 23/2015”

Il setting sanitario costituisce opportunità di alleanza tra ATS e ASST secondo i rispettivi ruoli attribuiti dalla LR.23/2015 di governance e di prevenzione indicata , rivolta alla persona .

 

IN RETE PER LA SALUTE

Il progetto mira a sviluppare accordi nei diversi ambiti ove è possibile promuovere azioni di sensibilizzazione sui fattori di rischio comportamentali nella fase di presa in carico individuale di pazienti cronici o a rischio, intercettando in ambito sanitario (MMG e ambulatori specialistici) i 2 sottosistemi di popolazione :

-          soggetti con presenza di fattori di rischio (sovrappeso,sedentarietà, tabagismo, ecc.)

-          soggetti con presenza di fattori di rischio e cronicità in fase iniziale

con l’intento di:

  • proporre un miglioramento delle conoscenze dei fattori di rischio comportamentali e favorire competenze per il loro superamento avvalendosi delle reti di offerta territoriali (Gruppi di cammino, Interaziendale disassuefazione tabagica, Alimenti in salute).
  • stimolare la disponibilità al cambiamento dei soggetti secondo tecniche di couselling motivazionale e migliorare la health literacy attraverso campagne di educazione sanitaria mirate al target, in coerenza con le azioni, previste nel PRP (Programma 6 “Prevenzione della cronicità”) e recepite dalla DGR 4662/2015 “Indirizzi regionali per la presa in carico della cronicità e della fragilità in Regione Lombardia 2016-2018”.

Referente: Dr.ssa Manuela Franchetti

U.O. Gestione e sviluppo programmi intersettoriali

Tel: 039/2384089

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

CONVIVENZA TRA CANI E BAMBINI

La convivenza fra cani e bambini è una preziosa opportunità. Gli animali possono diventare i compagni di giochi ma non perdono mai le loro caratteristiche di diversità e abituano il bambino a un rapporto e a una comunicazione soprattutto corporei (carezza, contatto, olfatto, calore, movimento).

I bambini sono vittime frequenti di morsicature dal cane di un parente o di un amico, più di rado di estranei. La finalità è quella di evidenziare gli indiscussi aspetti positivi della interazione cane-bambino a beneficio soprattutto di quest’ultimo, ma anche i rischi di questa convivenza, marginalmente di tipo infettivo o infestivo, ma soprattutto riferibili ad aggressioni con lesioni da morsicatura, come purtroppo le notizie di stampa spesso evidenziano, quando non è stata gestita correttamente la interazione bambino-cane, anche per scarsa capacità del proprietario a leggere il comportamento del proprio animale e a prevenirne comportamenti aggressivi, causati spesso da stress, ansia, irritazione, predazione.

L’ obiettivo è rendere possibile la libera convivenza.

E’ fondamentale che i bambini abbiano informazioni corrette su questi animali: la conoscenza è sempre lo strumento primario poiché le uniche che ricevono sono quelle dai film o dai cartoon ei genitori non sempre sono in grado di fungere da docenti.

Eccellenti progetti coordinati da medici veterinari comportamentisti, in collaborazione con gli insegnanti provvedono a creare le basi per la relazione.

Fra gli obiettivi:

  • Apprezzare la realtà naturale ed etologica in un mondo sempre più virtuale
  • Imparare a comunicare senza spaventare né pretendere troppo
  • Imparare che esistono modi giusti e sbagliati di relazionarsi
  • Imparare le regole e i linguaggi non verbali
  • Le necessità di accudimento e cura stimolano la responsabilizzazione

 

Referente: Dr. Diego Perego

U.O. S. Igiene Urbana Veterinaria

Tel: 0362/304801

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

PER SENTIERI

“Per sentieri” promuove l'attività motoria nella forma del camminare e nei relativi esercizi di preparazione e defaticamento; facilita l’aumento delle competenze di tipo organizzativo per la preparazione alle uscite; favorisce la consapevolezza che progetti complessi possono essere realizzati grazie all’aiuto di altri e alla dimensione del gruppo e con percorsi caratterizzati da una successione di tappe intermedie.

Il progetto mira a tutelare la salute della popolazione afferente ai servizi di cura per le dipendenze attraverso la promozione di stili di vita che riportino l’attenzione al proprio corpo e alle sue potenzialità. E' un'occasione di lavoro sull'unità psicofisica della persona, la avvicina ai temi dell'ambiente e del rispetto della natura, passando dalla conoscenza dei propri limiti corporei, del piacere, della bellezza, del gusto, dell'arte … con uno sguardo anche verso le bellezze storiche.

 

Referente: Dott.ssa Rosa Maria Tortorella

U.O. Promozione della Salute Prevenzione fattori di rischio comportamentali Medicina Interculturale

Tel: – 039/2717480 - 039/2717482

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 In cammino per cambiare il diabete.

 Giornata Mondiale senza tabacco 31 maggio 2017