Login

Vigilanza e controllo delle acque destinate al consumo umano

DESCRIZIONE DELLA PRESTAZIONE

La vigilanza ed il controllo della qualità delle acque destinate al consumo umano è l’attività dall’ UOC IAN, finalizzata alla tutela della salute pubblica, dai rischi derivanti dal consumo di acque contaminate e non conformi agli standard di qualità fissati dalle norme vigenti.

La vigilanza si espleta attraverso:

  • l’ispezione , che è tesa a verificare i requisiti igienico-sanitari degli impianti di captazione, di trattamento, di accumulo (serbatoi) e di distribuzione dell’acqua potabile.
  • l’esecuzione di campionamenti e prelievi, finalizzati al controllo analitico delle acque destinate al consumo umano e svolti con le modalità ed i tempi concordati con i laboratori di riferimento (LSP, U.O. Chimica di ARPA), che eseguono le analisi;
  • la valutazione dei risultati analitici;
  • i provvedimenti.

Le verifiche effettuate consentono di controllare che l’ acqua distribuita mantenga le caratteristiche di potabilità

Parametri di riferimento

Decreto_legislativo_31_2001

L'acqua di rubinetto è corrente, sempre disponibile e non necessita di alcun ulteriore trattamento con impianti domestici (es. addolcitori, impianti a carboni attivi, a osmosi inversa) perché è già idonea al consumo umano; anzi l'uso di tali dispositivi può determinare un impoverimento del contenuto salino e un incremento batterico portando quindi ad un peggioramento della qualità dell'acqua(link trattamento acqua).

E’ possibile segnalare anomalie rilevate nell’ acqua erogata all’ Unità Operativa Semplice di competenza

Segnalazione inconvenienti igienico sanitari

Altre informazioni rilevanti

Il diretto responsabile dell'acqua potabile fornita al consumo è l'Ente Gestore. Quindi in caso di reclamo va contattato prima di tutto l'Ente gestore. Si deve tenere conto tuttavia che l'Ente Gestore risponde della qualità e potabilità dell'acqua fino al contatore dell'abitato o stabile (condominio, abitazione, struttura pubblica); pertanto è importante anche che sia effettuata una manutenzione spurgo della linea interna dopo un periodo di fermo impianto (vacanze ad esempio, chiusura scuole ecc), accompagnata da una pulizia periodica e frequente dei filtri dei rubinetti, soffioni docce e pulizia -sostituzione dei filtri meccanici, spesso installati dopo il contatore e prima dell'ingresso dell'acqua nelle tubature interne.

 

Chioschi o fontane o case dell’ acqua

Impianti di trattamento per utenze domestiche e pubblici esercizi

 

DENOMINAZIONE DEI SERVIZI - UFFICI COMPETENTI CON INDIRIZZI / RECAPITI TELEFONICI / ORARI DI APERTURA

UOC Igiene Alimenti e Nutrizione

NOME DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile di Unità Operativa Semplice cui perviene la richiesta, limitatamente alle attività localizzate nel territorio di competenza dell’Unità Operativa (vedi informazioni contenute nei servizi sopra individuati).

 

COSTO PER L’UTENTE E MODALITA’ DI VERSAMENTO :

Qualora sia stato installato un dispositivo domestico di trattamento delle acque e si rilevino delle anomalie a fronte delle quali il cittadino richieda delle analisi all’ ATS , le spese di tali verifiche saranno a carico del richiedente (Tariffario)

Il versamento deve essere effettuato sul conto corrente postale n. 41467200 intestato a: ATS della Brianza - IPATSLL - Servizio Tesoreria