ats-brianza.it

News Online
IMAGECorso base per coadiutore del cane
Martedì, 11 Giugno 2024

ATS Brianza organizza l’evento formativo: "il corso base per coadiutore del cane". Il corso è...

Prosegui...

IMAGEGiornata mondiale della Sicurezza Alimentare
Mercoledì, 05 Giugno 2024

Giornata mondiale della Sicurezza Alimentare 2024   Dal 2019, il 7 giugno di ogni...

Prosegui...

IMAGEATS Brianza incontra i Medici Competenti - webinar
Mercoledì, 29 Maggio 2024

ATS Brianza incontra i Medici Competenti Restituzione dei dati aggregati allegato 3B relativi alla...

Prosegui...

IMAGECorso di Biosicurezza - Peste Suina Africana
Mercoledì, 22 Maggio 2024

Il corso ha raggiunto il numero massimo di partecipanti, in base alla capienza della sala.  ...

Prosegui...

AUTORIZZAZIONE PER L'UTILIZZO DI LOCALI DI ALTEZZA NETTA INFERIORE A 3 METRI

 

1. Descrizione del procedimento

Richieste di Autorizzazione in Deroga ai sensi dell’art. 63 c. 1 all. IV punto 1.2.4 D.L.gs. 09 aprile 2008 n. 81.

I limiti minimi per altezza, cubatura e superficie dei locali chiusi destinati al lavoro nelle aziende industriali che occupano più di cinque lavoratori, ed in ogni caso in quelle che eseguono le lavorazioni che comportano la sorveglianza sanitaria sono i seguenti:

a) altezza netta non inferiore a m. 3;

b) cubatura non inferiore a mc. 10 per lavoratore;

c) ogni lavoratore occupato in ciascun ambiente deve disporre di una superficie di almeno mq. 2;

d) I valori relativi alla cubatura ed alla superficie si intendono lordi, cioè senza deduzione dei mobili, macchine ed impianti fissi;

e) l’altezza netta dei locali è misurata dal pavimento all’altezza media della copertura dei soffitti o delle volte.

Quando necessità tecniche aziendali lo richiedono, l’organo di vigilanza competente per territorio può consentire altezze minime inferiori a quelle sopra indicate e prescrivere che siano adottati adeguati mezzi di ventilazione dell'ambiente. L’osservanza dei limiti stabiliti dal presente articolo circa l’altezza, la cubatura e la superficie dei locali chiusi di lavoro è estesa anche alle aziende industriali che occupano meno di cinque lavoratori quando le lavorazioni che in esse si svolgono siano ritenute, a giudizio dell’organo di vigilanza, pregiudizievoli alla salute dei lavoratori occupati.

Per i locali destinati o da destinarsi ad uffici, indipendentemente dal tipo di aziende, e per quelli delle aziende commerciali, i limiti di altezza sono quelli individuati dalla normativa urbanistica vigente.

Lo spazio destinato al lavoratore nel posto di lavoro deve essere tale da consentire il normale movimento della persona in relazione al lavoro da compiere.

Altre informazioni utili

RICHIEDENTE: datore di lavoro.

DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALL’ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE EX ART. 63 DEL D.L.gs. 81/08:

1) Sintetica relazione tecnica con:

- descrizione attività svolte e indicazione delle lavorazioni e delle eventuali macchine e/o impianti e materie prime;

- caratteristiche dei presidi di igiene e sicurezza del lavoro previsti nelle singole lavorazioni;

- il numero degli addetti previsti.

2) In caso di assenza di rapporti aeroilluminanti naturali, relazione tecnica dell’impianto di termoventilazione o di condizionamento con descrizione dei mezzi usati (specificando tra l’altro il numero di ricambi ora per persona, quantità di aria “fresca” immessa ed espulsa, posizione precisa delle bocchette di immissione e di espulsione aria e temperature ed umidità garantite in estate ed in inverno).

3) Copia della dichiarazione di conformità completa degli allegati obbligatori, degli impianti elettrico, idrotermosanitario e di condizionamento.

4) Due planimetrie con l’individuazione precisa dei locali per cui si chiede la deroga, complete di sezioni quotate, comprensive di:

- calcolo dei R.A.I. e dati sull’illuminazione artificiale garantita in lux;

- evidenza della presenza di vespaio effettivamente areato con ricambio naturale o forzato dell’aria.

5) Licenza d’uso e/o agibilità dei locali rilasciata dal Comune o certificazione equivalente (artt. 24 e 25 del DPR 380/01).

6) Copia documento di identità (in corso di validità) del richiedente.

7) n. 1 marca da bollo di € 16,00 da applicare sulla presente domanda (a cura dell’ufficio).

8) n. 1 marca da bollo di € 16,00 da applicare sull’atto autorizzativo (a cura dell’ufficio).

9)  Attestazione versamento di € 145,63 (centoquarantacinque,63), per prestazione corrispondente alla voce 8 del tariffario vigente - Autorizzazioni in deroga uso locali chiusi di lavoro di altezza inferiore a tre metri (D.Lgs. 81/2008, art. 63, comma 1, All. IV, punto 1.2.4).

2. Costo per l'utente

L’autorizzazione in deroga è a pagamento in quanto rilasciata nell’interesse di privati e il versamento è a carico del richiedente.

I costi sono dettagliati nel “TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI E DEGLI INTERVENTI RICHIESTI DA TERZI NEL PROPRIO INTERESSE, EROGATI DAL DIPARTIMENTO DI IGIENE E PREVENZIONE SANITARIA. AGGIORNAMENTO BIENNALE DELLE TARIFFE STABILITE CON D.G.R. N. XI/2698 DEL 23/12/2019. ANNO 2024”

La somma da versare è pari a € 145,63 (centoquarantacinque,63), per prestazione corrispondente alla voce 8 del tariffario vigente - Autorizzazioni in deroga uso locali chiusi di lavoro di altezza inferiore a tre metri (D.Lgs. 81/2008, art. 63, comma 1, All. IV, punto 1.2.4). Il pagamento deve essere effettuato tramite il sistema pagoPa, collegandosi al sito web https://pagamentinlombardia.servizirl.it/pa/home.html; in seguito, nel campo ricerca digitare ATS della Brianza, accedere alla pagina dei pagamenti nella sezione Altre tipologie di pagamento, selezionare Diritti prevenzione salute luoghi di lavoro (PSAL), nella sezione pagamento dovuto compilare i dati richiesti.

3. Uffici Competenti

S.C. PSAL, Via Novara, 3 Desio (MB).

4. Nome del responsabile del procedimento

Direttore SC PSAL.

5. Modalità di accesso

Le richieste per “Autorizzazione in deroga sull’altezza dei locali ai sensi dell’allegato IV punto 1.2.4. del D.Lgs 81/08” possono essere presentate a mezzo di posta raccomandata, oppure consegnate a mano presso la SC PSAL sita in via Novara, 3 Desio (MB).

Gli interessati possono ricevere le informazioni che li riguardano, relativamente al procedimento in corso, contattando i seguenti recapiti telefonici: 0362/304872 - 3 - 6 -7

6. Termine massimo per la conclusione dell'Iter

Il termine previsto per la conclusione del procedimento è di 60 (sessanta) giorni a partire dalla data di ricevimento della richiesta. Tale termine può essere sospeso, per l’acquisizione di informazioni o documentazione relative a fatti, stati o qualità non attestati in documenti già in possesso della SC PSAL.

7.  Nome del soggetto a cui è attribuito in caso di inerzia il potere sostitutivo

In caso di inerzia, il potere sostitutivo è attribuito al Direttore del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria della ATS Brianza.

8. Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale

La tutela amministrativa e giurisdizionale è garantita da:

- Legge 241/1990 “nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi” e s.m.i

- Codice di comportamento dei dipendenti della Pubblica Amministrazione (DPR 62/2013)

- Legge 190/2012 “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”

- D.Lgs 196/03 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e s.m.i

- Procedure di processo generali e specifiche redatte dalla ATS Brianza, nel rispetto della normativa vigente.

ATTI E DOCUMENTI DA ALLEGARE

MODULO autorizzazione in deroga art. 63 c. 1, allegato IV D.L.gs 81/08

Asst Monzalogo_asst_brianza.jpgAsst Lecco     PagoPA