Login

PAGINA IN FASE DI AGGIORNAMENTO AI SENSI DELLA DGR.5918/2016

 

 

Le cure palliative, come definito dell’art. 1 della Legge 38 del 15 marzo 2010, sono l’insieme degli interventi terapeutici, diagnostici, assistenziali, rivolti sia alla persona malata sia al nucleo familiare, finalizzati alla cura attiva e totale dei pazienti la cui malattia di base, caratterizzata da un’inarrestabile evoluzione e da una prognosi infausta, non risponde più a trattamenti specifici.


Sono inclusi in un programma di cure palliative domiciliari pazienti con:

  • malattie progressive che portano alla morte
  • fase avanzata/terminale (assenza o inopportunità di trattamento specifico, prognosi stimata non superiore a tre mesi);
  • indicazione all'uso di trattamenti sintomatici, palliativi;
  • impossibilità di utilizzo delle strutture ambulatoriali dedicate non riconducibili a solo problemi logistici;
  • desiderio del malato per le cure presso il proprio domicilio
  • condizioni abitative che garantiscono la praticabilità dell'assistenza a domicilio

 

La Rete Locale di Cure Palliative è una aggregazione funzionale ed integrata formata dei Soggetti erogatori delle attività di cure palliative garantite nei diversi setting assistenziali (Hospice – sanitari e socio sanitario, Ospedale, Strutture Socio-Sanitarie e Assistenza  Domiciliare).

Si tratta di servizi accreditati formati da esperti in grado di erogare cure palliative intese quali l’insieme di interventi terapeutici, diagnostici, assistenziali, rivolti sia alla persona malata sia al nucleo familiare, finalizzati alla cura attiva e totale dei pazienti la cui malattia di base, caratterizzata da un’inarrestabile evoluzione e da una prognosi infausta, non risponde più a trattamenti specifici”(Legge 38/10)

L’accesso alla rete

L’accesso alla rete avviene su proposta di un medico specialista o  del medico di medicina generale o per accesso diretto da parte del paziente/ familiare di riferimento.

La proposta di attivazione viene valutata dal Referente clinico ( medico del soggetto erogatore di cure palliative accreditato al quale l’utente si è rivolto e/o dal medico di medicina generale con il supporto dell’èquipe di valutazione multidimensionale del distretto) e  si basa sulla:

  • valutazione del bisogno
  • volontà del malato e orientamento prevalente del nucleo familiare.

La valutazione considererà anche l’opportunità di variare il livello o setting di assistenza in base all’evolversi del quadro clinico e dei bisogni della persona ammalata e della sua famiglia.

SERVIZI DELLA RETE

AMBULATORI

Sono le strutture sanitarie che afferiscono ad ospedali pubblici o accreditati del territorio.

DESTINATARI

Persone in grado di deambulare 

MODALITÀ D’ACCESSO

Presentazione della ricetta  del medico di famiglia o del medico specialista.

TERMINE MASSIMO D’ATTESA DALLA RICHIESTA

L’erogazione avviene entro 72 ore lavorative dalla presentazione della richiesta, per i casi non derogabili, e secondo le specifiche liste d’attesa negli altri casi.

COSTO PER L’UTENTE

Il servizio è gratuito se si è in possesso di esenzione per patologia o invalidità civile, altrimenti prevede il pagamento di ticket.

 

ASSISTENZA DOMICILIARE

Assistenza erogabile a domicilio da parte di èquipe multidisciplinari. Consistono in trattamenti  in trattamenti medici, infermieristici, fisioterapici, socio assistenziali, psicologici

Ci sono due  tipologie di assistenza domiciliare:

1) ADI CP ( Assistenza Domiciliare Integrata Cure Palliative)

Servizio di assistenza di base  erogata con il sistema del voucher sociosanitario. Il voucher è un titolo d’acquisto, non in danaro, per accedere alle prestazioni erogate da gestori accreditati con il SSR.

DESTINATARI

  • condizione di non deambulabilità e di non trasportabilità presso presidi sanitari ambulatoriali in grado di rispondere ai bisogni della persona
  • presenza di una rete familiare e/o formale o informale di supporto
  • condizioni abitative che garantiscono la praticabilità dell'assistenza a domicilio

MODALITÀ D’ ACCESSO

Presentazione della ricetta  del medico di famiglia presso il Distretto di appartenenza. Il Distretto effettua in collaborazione con il medico di famiglia effettua la valutazione del bisogno e rilascia il voucher per accedere, su scelta del cittadino, a uno degli erogatori presenti nell’elenco degli accreditati per l’ADICP.

Referente clinico: è il medico di medicina generale con il supporto dell’èquipe di valutazione multidimensionale del distretto.

TERMINE MASSIMO D’ATTESA DALLA RICHIESTA

L’erogazione avviene di norma entro 48 ore dalla presentazione della richiesta, per i casi derogabili, ed entro 24 ore lavorative per quelli urgenti.

COSTO PER L’UTENTE

Il servizio è gratuito .

 

 

2) STCP( specialistica territoriale cure palliative) ex “ospedalizzazione domiciliare

Servizio di assistenza domiciliare erogato esclusivamente da èquipe afferenti ad ospedali ( pubblici o accreditati) che hanno unità operative di cure palliative(UOCP) per cure specialistiche.

DESTINATARI

  • condizione di non deambulabilità e di non trasportabilità presso presidi sanitari ambulatoriali in grado di rispondere ai bisogni della persona,
  • presenza di una rete familiare e/o formale o informale di supporto garantita 24 ore su 24
  • condizioni abitative che garantiscono la praticabilità dell'assistenza a domicilio

MODALITÀ D’ ACCESSO

L’accesso è libero, previo colloquio con il paziente/familiare che  valutare in merito all’attivazione del servizio domiciliare ed informerà il medico di medicina generale.

Referente clinico: è il medico palliativista

TERMINE MASSIMO D’ATTESA DALLA RICHIESTA

L’erogazione avviene di norma entro 48 ore dal colloquio, per i casi derogabili ed entro 24 ore lavorative per quelli urgenti.

COSTO PER L’UTENTE

Il servizio è gratuito.

 

HOSPICE

Sono strutture che garantiscono il livello di assistenza residenziale ossia l’insieme degli interventi sanitari, socio-sanitari e assistenziali nelle cure palliative erogate ininterrottamente da èquipe multidisciplinari residenziali.

L’Hospice garantisce oltre al ricovero definitivo anche interventi di ricoveri temporanei, compreso quelli cosiddetti di  ”sollievo”,  e quelli a  ciclo diurno( day hospice).

DESTINATARI

  • desiderio del malato
  • carenza di una rete familiare e/o formale o informale di supporto,
  • condizioni abitative che non garantiscono la praticabilità dell'assistenza a domicilio

MODALITÀ D’ ACCESSO

Avviene previo colloquio per la valutazione dell’appropiatezza del  ricovero.

  • Hospice sanitari : accesso libero.
  • Hospice sociosanitario: accesso con ricetta del medico di medicina generale o del medico specialista.

Referente clinico: il medico palliativista dell’Hospice.

TERMINE MASSIMO D’ATTESA DALLA RICHIESTA

Il tempo varia in base al numero delle persone in lista d’attesa.

COSTO PER L’UTENTE

Il servizio è gratuito