Azienda

 

Le ASST  - Aziende Socio sanitarie Territoriali
Concorrono all’erogazione dei livelli essenziali di assistenza (LEA) .
Si articolano in due settori aziendali, rispettivamente definiti rete territoriale e polo ospedaliero,
Il polo ospedaliero si articola in presidi ospedalieri e/o in dipartimenti organizzati in diversi livelli di intensità di cura prevalentemente dedicato al trattamento del paziente in fase acuta ed è sede dell’offerta sanitaria specialistica. Al settore aziendale rete territoriale delle ASST afferiscono: i presidi ospedalieri territoriali (POT) e  i presidi socio sanitari territoriali (PreSST) che hanno lo scopo di integrare le prestazioni di carattere sanitario, sociosanitario e sociale.
Sono le ASST che  effettuano interventi preventivi a tutela della salute quali le vaccinazioni, le visite consultoriali , le certificazioni medico e medicolegali.

 

Le ASST del territorio di ATS Brianza sono

Appropriatezza Ricoveri

L’UOS Appropriatezza Ricoveri, nell’ambito delle complessive attività dell’UOC sovraordinata, assicura l’espletamento dell’attività di controllo sull’appropriatezza delle prestazioni di ricovero ordinario ed in regime di Day Hospital (DH), sia per acuti che per riabilitativi, erogate dalla strutture sanitarie accreditate, pubbliche e private, del territorio dell’ATS Brianza, secondo le linee di indirizzo locale enunciate nel Piano di Controllo annualmente adottato e garantendo il debito informativo nei confronti della regione sull’esito del controllo stesso.

In particolare, all’UOS Appropriatezza Ricoveri sono assegnate le seguenti funzioni:

  • Attuare il programma annuale e le modalità di verifica sulla corretta applicazione da parte degli Erogatori dei meccanismi di finanziamento delle prestazioni di ricovero, con particolare riguardo alla verifica della presenza di eventuali comportamenti opportunistici relativi alle regole di finanziamento o di ambito di assistenza;
  • Sviluppare un rapporto sinergico e collaborativo tra ATS e strutture accreditate e a contratto in relazione all’adeguatezza delle prestazioni sanitarie e al rispetto delle regole vigenti di codifica delle diagnosi e delle procedure sanitarie eseguite;
  • Garantire, attraverso la periodica attività di controllo, il mantenimento e lo sviluppo dei sistemi di qualità e di verifica interna di ciascun Erogatore;
  • Verificare l’adeguatezza, la qualità e la congruenza delle prestazioni di ricovero dei soggetti erogatori con procedimenti di valutazione oggettivi e trasparenti;
  • Monitorare le caratteristiche dei consumi di prestazioni sanitarie in regime di ricovero/DH del territorio dell’ATS Brianza, analizzandone le dinamiche in relazione con la rete d’offerta a contratto.

Indirizzi

Sede centrale e legale: Viale Elvezia 2 – 20900, Monza

Sede distaccata: C.so C. Alberto 120 – 23900, Lecco

Contatti

Telefono 039/2384325 – 039/2384844

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Link DGW

https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/servizi-e-informazioni/enti-e-operatori/sistema-welfare/qualita-e-appropriatezza

https://www.acsslombardia.it/

1.Breve descrizione del procedimento

L’autorizzazione all’esercizio e l’accreditamento delle Strutture sanitarie garantiscono che le stesse abbiano i requisiti e gli standard di qualità previsti dalla legge a tutela del cittadino. L’accreditamento è condizione necessaria perché la Struttura possa erogare prestazioni a carico del SSR, previa sottoscrizione del contratto.

La Struttura interessata utilizza il portale regionale ASAN per la compilazione e l’invio informatico dell’istanza, che deve comunque essere presentata in formato cartaceo all’ATS competente per territorio per l’avvio del procedimento; l’ATS verifica il possesso dei requisiti autorizzativi e di accreditamento, adotta il provvedimento di autorizzazione / accreditamento e lo trasmette alla Regione Lombardia entro i 15 giorni successivi all’adozione per l’iscrizione nel registro Regionale delle Strutture Accreditate.

Riferimenti normativi: (DPR 14/01/1997 - DGR n. 38133/1998 – DGR n. 3312/2001 – DGR n. 3313/2001 e ss.mm.ii. - L.R. 23/2015)

2.Unità Organizzative Responsabili dell'Istruttoria

UOS Accreditamento Sanitario

3.Ufficio del procedimento / Ufficio per l'adozione del provvedimento finale

UOS Accreditamento Sanitario

Resp.: Angela Montesanti

Tel. 039/2384841  Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

4.Modalità per informazioni e contatti

Telefonare oppure inviare mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dott.ssa Angela Montesanti Tel. 039/2384841 

5.Termine per la conclusione del procedimento

60 gg. dal ricevimento dell’istanza (protocollo di ricevimento ATS) – è prevista l’interruzione termini una sola volta per un massimo di 60 gg.

6. Procedimenti in cui il provvedimento è sostituito da una dichiarazione dell'interessato

E’ facoltà dell'Ente avvalersi della "perizia asseverata" ai sensi della DGR n. 3312/2001

7.Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale a favore dell'interessato

Tutela ordinaria secondo normativa

8.Link di accesso al servizio online

http://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioServizio/servizi-e-informazioni/Enti-e-Operatori/sistema-welfare/Accreditamento/autorizzazione-accreditamento-strutture-sanitarie/autorizzazione-accreditamento-strutture-sanitarie

9.Modalità per l'effettuazione dei pagamenti

Non previsti pagamenti

10.Soggetto a cui è attribuito il potere sostitutivo

Direttore Sociosanitario: Lorenzo Brugola tel 039/2384312

11. Atti e documenti da allegare

http://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioServizio/servizi-e-informazioni/Enti-e-Operatori/sistema-welfare/Accreditamento/autorizzazione-accreditamento-strutture-sanitarie/autorizzazione-accreditamento-strutture-sanitarie

 

 

LOGO OTA DEFINITIVO HR

  Qui le informazioni

  OTA - (Organismo Tecnicamente Accreditante)                               

1.Breve descrizione del procedimento

L’autorizzazione o l’abilitazione all’esercizio e l’accreditamento delle Strutture Sociosanitarie (dette anche unità d’offerta sociosanitarie) garantiscono che le stesse abbiano requisiti e standard di qualità stabiliti dalla normativa. L’accreditamento è condizione necessaria affinché la Struttura possa erogare prestazioni a carico del SSR previa sottoscrizione di un contratto. Annualmente Regione Lombardia definisce e regola l’accesso alla negoziazione e alla contrattualizzazione.

L’ESERCIZIO delle unità d’offerta sociosanitarie è subordinata alla presentazione di una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA).

 

Casi in cui presentare la SCIA:

-        messa in esercizio di nuova unità d’offerta;

-        trasferimento in altra sede di unità d’offerta già abilitata all’esercizio (anche all’interno dello stesso edificio);

-        variazione della capacità ricettiva;

-        variazioni nell’assetto dei servizi o delle prestazioni erogate;

-        trasformazione di unità d’offerta esistente in altra tipologia;

-        modifica dell’articolazione degli spazi della medesima unità d’offerta, qualora le modifiche comportino il mutare delle condizioni previste dal regolamento d’igiene o di sicurezza dei locali;

-        eventi modificativi del soggetto gestore per le unità d’offerta non accreditate (es. subentro nuovo soggetto gestore, successione tra enti, etc.).

Non è prevista presentazione di SCIA in caso di:

-        variazione del Legale Rappresentante. In questo caso è necessario comunicare all’ATS l’avvenuta variazione allegando atto di nomina e l’autocertificazione del possesso dei requisiti soggettivi del nuovo Legale Rappresentante;

-        trasformazione giuridica del soggetto gestore che non si sostanzi nel subentro di un nuovo soggetto. E’ prevista una comunicazione all’ATS a cui allegare la documentazione relativa alla trasformazione avvenuta;

-        modifica dell’articolazione degli spazi che non comportino il mutare delle condizioni previste dal regolamento d’igiene o sicurezza dei locali e interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Le comunicazioni sono trasmesse all’ATS con gli elaborati grafici aggiornati e l’indicazione dettagliata e motivata delle variazioni eseguite.

L’ACCREDITAMENTO delle unità d’offerta sociosanitarie è subordinato alla presentazione di una specifica istanza.

 

Casi di presentazione di istanza di accreditamento:

-        variazione, sia in aumento che in riduzione, della capacità ricettiva;

-        trasformazione di unità d’offerta esistente in altra tipologia;

-        trasferimento della sede in cui è svolta l’attività, anche all’interno dello stesso edificio;

-        voltura, da intendersi come trasferimento della gestione tra due distinti soggetti (previsto modello specifico di voltura dell’accreditamento)

 

E’ possibile presentare unica istanza di messa in esercizio e accreditamento utilizzando il modello “SCIA contestuale”

L’istanza di messa in esercizio (SCIA) e/o di accreditamento è presentata alla ATS competente per territorio e per conoscenza al Comune di ubicazione dell’unità d’offerta e a Regione Lombardia. Può essere presentata in forma diretta, mediante invio postale con raccomandata con avviso di ricevimento o posta elettronica certificata (PEC). A Regione Lombardia va inviata esclusivamente via PEC.

 

2.Termine per la conclusione del procedimento

L’ATS verifica, entro 60 giorni dalla presentazione della SCIA, il possesso dei requisiti minimi stabiliti dalle disposizioni vigenti e comunica l’esito della verifica all’Ente Gestore e a Regione Lombardia.

In caso di presentazione di SCIA contestuale o di istanza di accreditamento, l’ATS verifica il possesso dei requisiti e adotta, entro 60 giorni dal ricevimento dell’istanza, il provvedimento (delibera) di accreditamento o di modifica dello stesso e lo trasmette a Regione Lombardia entro 5 giorni lavorativi. Regione Lombardia, a conclusione e perfezionamento dei provvedimenti, procede all’iscrizione/aggiornamento della posizione dell’unità d’offerta, entro 30 giorni.

Per i procedimenti è prevista l’interruzione dei termini ai sensi della Legge 241/90.

Riferimenti normativi: DPR 14/01/1997 - DGR n. 2569/2014 - DGR 4702/15 suballegato 9 e normativa specifica per singola tipologia di unità d’offerta - L.R. 23/2015 e ss.mm.ii.

 3.Unità Organizzative Responsabili dell'Istruttoria

UOS Vigilanza e Controllo – Monza

UOS Vigilanza e Controllo – Lecco

4.Ufficio del procedimento / Ufficio per l'adozione del provvedimento finale

UOS Vigilanza e Controllo - Monza Tel. 039/2384342 Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

UOS Vigilanza e Controllo – Lecco Tel. 0341/482385 Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

5. Modalità per informazioni e contatti

Telefonare oppure inviare mail a:

-     Area territoriale di Monza - Dr.ssa Maria Carmela Ignone Tel 039/2384342 Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

-     Area territoriale di Lecco - Dr.ssa Maria Elisabetta Corti Tel. 0341/482385 Mail:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

6.Procedimenti in cui il provvedimento è sostituito da una dichiarazione dell'interessato

E’ facoltà dell'Ente avvalersi della "perizia asseverata" ai sensi della DGR n. 3312/2001

 

7.Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale a favore dell'interessato

Tutela ordinaria secondo normativa.

8.Link di accesso al servizio online

Non previsto accesso al servizio online.

9.Modalità per l'effettuazione dei pagamenti

Non sono previsti pagamenti.

10.Soggetto a cui è attribuito il potere sostitutivo

Direttore Dipartimento Programmazione, Accreditamento, Acquisto delle Prestazioni Sanitarie e Sociosanitarie (PAAPSS

11. Atti e documenti da allegare

  • autocertificazioni requisiti soggettivi;
  • attestazione possesso requisiti di esercizio e/o accreditamento strutturali, tecnologici, organizzativi e gestionali generali e specifici;
  • 2 Planimetrie scala 1:100 firmate da tecnico progettista abilitato.

 

Procedimento:

ABILITAZIONE ALL’ESERCIZIO DELLE UNITA’ DI OFFERTA SOCIALI

 

La CPE (Comunicazione Preventiva di Esercizio) per l’avvio di nuove unità d’offerta sociali o per la voltura di quelle preesistenti deve essere inoltrata agli Uffici Unici/Uffici di Piano competenti per territorio (Legge 3/2008).

UOSD Verifica requisiti strutturali e tecnologici strutture erogatrici

All’U.O.S.D. Verifica requisiti strutturali e tecnologici strutture erogatrici sono attribuite le seguenti funzioni:

- Supporto tecnico professionale alle UU.OO. del Dipartimento PAAPSS per le attività di autorizzazione, accreditamento e vigilanza relativamente ai requisiti strutturali e tecnologici sulle strutture sanitarie, sociosanitarie e sociali.

- Rilascio di pareri tecnici per la realizzazione, messa in esercizio delle strutture sanitarie (Ospedali, Cliniche, etc), sociosanitarie e sociali (RSA, Asili nido, CDD, etc);

- Monitoraggio di matrici ambientali per il benessere degli ospiti e degenti delle strutture sanitarie, sociosanitarie e sociali in collaborazione con il Dipartimento IPS

- Controllo dei piani di adeguamento delle strutture sanitarie, sociosanitarie e sociali.

Responsabile dell’U.O.S.D.   Arch. Barbaini Giovanna

Corso Carlo Alberto, 120 – 23900 Lecco

Tel.0341/482238

Viale Elvezia, 2 – 20900 Monza

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sottocategorie

 

La Direzione Strategica dell'Azienda è assicurata, oltre che dal Direttore Generale, dai Direttori Amministrativo, Sanitario e Sociosanitario, garantendo unitarietà d'azione ed integrato approccio alle diverse problematiche.

 

La Direzione strategica della nuova ATS Brianza è così composta:
 

  • Direzione Generale: Silvano Casazza
  • Direzione Amministrativa: Antonietta Ferrigno
  • Direzione Sanitaria: Emerico Maurizio Panciroli
  • Direzione Socio Sanitaria: Lorenzo Brugola

 

La sede legale dell’ATS della Brianza è a Monza in Viale Elvezia 2

La comunicazione istituzionale, rivolta alla collettività, agli altri enti, ai dipendenti favorisce l'accesso ai servizi e contribuisce a migliorare lo stato della salute dei cittadini. La comunicazione è utile e funzionale per condividere decisioni e attuarle ed è un supporto per esplicitare i principi e gli orientamenti dell'Agenzia, rendendo manifesta la sua linea di gestione.

Il ruolo della comunicazione è strategico ed  è un requisito di efficienza dell'Agenzia, che attraverso l'utilizzo  di tutti gli strumenti a disposizione crea relazioni e alleanze, durevoli e costruttive con i i suoi interlocutori.
Anche il reclamo e le segnalazioni degli utenti sono riscontri importanti,che rappresentano un'opportunità per migliorare la comunicazione e la qualità dei servizi.

 

 

L’Ufficio Comunicazione è responsabile della pubblicazione dei comunicati e organizza conferenze stampa.                 

Per interviste o approfondimenti telefonare al numero 0341/482502-482290 oppure inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.