ats-brianza.it

Ultimo aggiornamento: 08/04/2022

Legge Regionale 23/99 per l'acquisto di ausili e strumenti tecnologicamente avanzati i cui beneficiari sono le persone con disabilità e minori e giovani con disturbo specifico dell’apprendimento (DSA)  residenti nel territorio dell’ATS della Brianza

 

Regione Lombardia con DGR n. XI/5682 del 15/12/2021 e successivi Decreto n. 17867 del 21/12/2021 ha stanziato le risorse economiche per l’acquisto di ausili o strumenti tecnologicamente avanzati finalizzati ad implementare le abilità della persona e potenziare la sua qualità della vita, e definito i requisiti di ammissione per la presentazione delle domande, dando il compito alle ATS di istruttoria delle domande, di verifica dei requisiti e di liquidazione dei contributi nei limiti del budget assegnato.

Lo scopo della misura è quello di sostenere le persone con disabilità ed i minori con disturbi specifici dell’apprendimento, unitamente alle loro famiglie, mediante un contributo economico per l’acquisto (ovvero noleggio o leasing) di ausili o strumenti tecnologicamente avanzati finalizzati a potenziare le abilità della persona ed a migliorare la sua qualità della vita.

Le domande potranno essere presentate a Regione Lombardia tramite la piattaforma on line www.bandi.servizirl.it

Per ricercare il bando è possibile indicare nel banner di ricerca la parola “ausili”.

Per maggiori informazioni è possibile consultare l’Avviso pubblico predisposto da Regione Lombardia al seguente link

Avviso pubblico per ottenere contributi per l'acquisto di ausili/strumenti tecnologicamente avanzati per persone con disabilità o disturbi specifici dell'apprendimento (DSA) | Bandi online (regione.lombardia.it)

Possono partecipare al presente bando:

  • minorenni o adulti disabili;
  • minorenni o giovani maggiorenni (entro il 25° anno di età) con disturbo specifico di apprendimento (DSA);
  • con un ISEE in corso di validità inferiore o uguale a 30.000,00 euro;
  • che non abbiano ricevuto un contributo nei 5 anni precedenti per la stessa tipologia di ausilio. Si precisa che si può fare richiesta di contributo per altri ausili, anche se appartenenti alla stessa area, purché sia trascorso almeno un anno dalla data di presentazione della domanda per la quale si è ottenuto il contributo.

La tipologia di procedura utilizzata è valutativa a sportello:

le domande saranno valutate in ordine di presentazione, a condizione di rispettare i requisiti di ammissibilità. ATS della Brianza verificherà il soddisfacimento dei requisiti di ammissione entro 30 giorni dalla presentazione dei documenti richiesti.

Per accedere al portale è necessario essere in possesso dello spid, oppure avere le credenziali per utilizzare la carta dei servizi regionali (tessera sanitaria) o la carta di identità elettronica.

 

Documentazione da allegare alla domanda

  • certificato del medico specialista o del medico prescrittore dell’ausilio per il quale si intende richiedere il contributo. In caso di acquisto di personal computer è necessario che lo specialista indichi le tipologie di software necessarie a superare/compensare la disabilità/DSA. Nel caso in cui la persona con disabilità frequenti un servizio diurno per disabili (CDD, CSE, SFA), oppure sia supportata solo da remoto nei percorsi di autonomia finanziati con decreto n. 19486/2018, la prescrizione dello specialità potrà prevedere la sola richiesta di personal computer per la gestione degli interventi a distanza;
  • preventivo o fattura (con data successiva al 01.01.2018) o ricevuta fiscale della spesa sostenuta copia del contratto di finanziamento; lo scontrino deve riportare la specifica dello strumento acquistato e il codice fiscale del beneficiario o del richiedente;
  • nel caso di richieste di personal computer e software per minori o giovani con DSA è necessario inserire il certificato DSA completo, rilasciato dal servizio specialistico o dall’equipe autorizzata alla prima certificazione;
  • nel caso di richieste di personal computer è inoltre necessario dare evidenza del possesso dei software prescritti dallo specialista, anche con la foto del desktop in cui sono state installate le applicazioni;
  • per gli ausili di protesica, acquistati con una quota a carico del cittadino è necessario inserire il modello di prescrizione da parte del medico prescrittore con l’indicazione delle quote a carico del servizio sanitario e del cittadino;
  • per le protesi acustiche è inoltre necessario che sia chiaramente specificato dallo specialista (otorinolaringoiatra) la perdita uditiva rilevata tramite l’audiogramma; il contributo potrà essere riconosciuto se la perdita uditiva per la persona adulta è pari o superiore a 65 decibel medi (500-1000-2000 Hz) nell’orecchio migliore e, per i minori, la perdita uditiva sia pari a 50 decibel medi (500-1000-2000 Hz) nell’orecchio migliore.

 

ATS Brianza si riserva di richiedere eventuali integrazioni documentali utili alla valutazione della domanda.

L’assegnazione dei contributi è subordinata alla disponibilità del fondo al momento della richiesta.

Sede Lecco: Corso Carlo Alberto, 120 – 23900 Lecco – Telefono: 0341/482388

Sede Monza: Viale Elvezia, 2 - 20900 Monza Tel. 039.2384255/4077

mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.      

Orario: da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 15.30

Normativa di riferimento

 

1.Descrizione del procedimento

Con questo Avviso Regione Lombardia intende promuovere l'acquisizione di strumenti tecnologicamente avanzati finalizzati ad estendere le abilità della persona e potenziare la sua qualità di vita.

Possono presentare domanda le persone residenti nell’ATS della Brianza

  • Minorenni o adulti disabili;
  • Minorenni o giovani maggiorenni (entro il 25° anno di età) con disturbo specifico di apprendimento (DSA);
  • con un ISEE in corso di validità inferiore o uguale a 30.000,00 euro;
  • che non abbiano ricevuto il contributo per l’acquisizione di strumenti tecnologicamente avanzati ai sensi della l.r. 23/1999 nei 5 anni precedenti la misura e nella stessa area, tranne nel caso in cui l’ausilio/strumento, anche se appartenente alla stessa area, sia diverso da quello per il quale era stato concesso il contributo.

E’ prevista la deroga al precedente requisito (relativo ai 5 anni) nel caso di interventi:

  • per sostituzione/adeguamento/potenziamento dell’ausilio/strumento, determinato da variazioni delle abilità della persona, comprovate da relativo certificato del medico specialista;
  • per la sostituzione di un ausilio/strumento già in dotazione non più funzionante, attestato da un tecnico. Tale deroga non è applicabile nell’ambito dell’area informatica nel caso di sostituzione dell’hardware;
  • per sostituzione/adeguamento/potenziamento del software specifico per i beneficiari con DSA e per le persone con disabilità.

Si precisa che per la presentazione della nuova domanda deve essere trascorso almeno un anno dalla data di presentazione della domanda precedente per la quale si è ottenuto il contributo.

È possibile richiedere contributi per l’acquisto di strumenti che rientrano nelle seguenti aree:

  • area domotica: tecnologie finalizzate a rendere maggiormente fruibile e sicuro l’ambiente di vita della persona disabile e a ridurre il carico assistenziale di chi se ne prende cura;
  • area mobilità: adattamento dell’autoveicolo (di proprietà o in comodato d’uso sia del famigliare che del disabile) al fine di garantire il trasporto della persona nei luoghi di lavoro o di socializzazione ovvero modifica degli strumenti di guida. Per quanto riguarda esclusivamente le persone che beneficiano del contributo di cui all’articolo 27 della legge 104/92, gli stessi possono ottenere il contributo regionale, purché la somma complessiva derivante dal cumulo dei due contributi (art. 27 della legge 104/92 e art. 4 legge 23/99) non superi il 70% del costo dell’ausilio/strumento stesso;

area informatica: acquisizione di personal computer o tablet, solo se collegati ad applicativi, necessari a compensare la disabilità o le difficoltà specifiche di apprendimento di cui alla L.R. n° 4/2010.  

Si precisa inoltre che sono ammissibili le domande che prevedono l’acquisizione contestuale del software e dell’hardware nonché quelle relative all’acquisto del solo hardware, purché si dichiari di possedere anche il software specifico – o perché acquistato, o perché acquisito gratuitamente o comunque nella disponibilità del richiedente.

E’ consentita la richiesta di contributo per l’acquisto solo del software specifico, qualora il richiedente sia già in possesso del personal computer da tavolo/portatile/tablet (da dichiarare nella domanda). Si specifica che, in ogni caso, è necessaria la prescrizione, sia del pc che del software specifico, da parte del medico specialista.

  • E’ possibile riconoscere personal computer e tablet anche senza software specifici, soltanto nel caso in cui il contributo sia destinato a una persona disabile che, durante il periodo di emergenza COVID-19, non potendo frequentare i Centri diurni socio-sanitari o sociali (quali i CDD, i CSE e gli SFA) ovvero essendo solo supportata da remoto nei percorsi di autonomia di cui al decreto n. 19486/2018 e s.m.i., necessita solo della strumentazione di base, come da decreto n. 5071 del 29.04.2020;
  • altri ausili: acquisizione di strumenti/ausili ad alto contenuto tecnologico che non rientrano nel Nomenclatore Tariffario, oppure quelli per i quali è riconosciuto un contributo sanitario (ausili riconducibili). Questa ultima tipologia può essere finanziata purché la somma dei contributi (fondo sanitario/fondo L.R. 23/99) non sia superiore al 70% del costo dell’ausilio stesso.

Rientrano nei casi ammissibili, in questa area, ad esempio:

  • gli ausili per non udenti non ricompresi nel Nomenclatore Tariffario quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, vibratori, sistemi FM o IR limitatamente ai minori in età prescolare nonché il secondo processore, non a scatola, prioritariamente per minori;
  • le protesi acustiche riconducibili, limitatamente alle persone affette da sordità pari o superiore a 65 decibel medi (500-1000-2000 Hz) nell’orecchio migliore e ai minori con sordità pari a 50 decibel medi (500-1000-2000 Hz) nell’orecchio migliore.

Sono ammissibili al finanziamento gli ausili/strumenti acquistati, compresi quelli utilizzati con titolo diverso dalla proprietà, con una spesa non inferiore a € 300,00.

Il contributo è riconosciuto nella misura del 70% della spesa ammissibile e comunque non superiore a € 16.000,00 ed entro i seguenti limiti:

  • personal computer da tavolo comprensivi di software specifici, contributo massimo erogabile, comprensivo di software di base e di tutte le periferiche, €400,00;
  • personal computer portatile o tablet comprensivo di software specifici, contributo massimo erogabile, comprensivo di software di base e di tutte le periferiche, € 600,00;
  • solo software specifico, qualora il richiedente sia già in possesso del personal computer da tavolo/portatile/tablet, contributo massimo erogabile € 400,00;
  • protesi acustiche riconducibili: contributo massimo erogabile € 2.000,00;
  • adattamento dell’autoveicolo, compresi i beneficiari dell’art. 27 della legge 104/92, contributo massimo erogabile € 5.000,00.

All’area informatica è riservata una quota delle risorse assegnate non superiore al 35%.

Sono escluse le richieste di contributo che riguardano:

  • sussidi didattici che possono essere ottenuti grazie alle vigenti disposizioni concernenti il diritto allo studio;
  • provvidenze di cui alla legge 9 gennaio 1989, n. 13 “Disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati”, e successive modifiche ed integrazioni, con particolare riferimento a quanto stabilito con decreto regionale n. 14032 del 15/12/2009 che estende le possibilità di richiedere contributi per l'abbattimento delle barriere architettoniche;
  • strumenti/ausili ottenibili dall’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro e le malattie professionali, in quanto la persona richiedente è beneficiaria delle provvidenze di tale ente;
  • strumenti/ausili ottenibili attraverso altre forme di contribuzione, in quanto la persona disabile e/o la sua famiglia, possono usufruirne in ragione della loro situazione (quali ad esempio: studente universitario, beneficiario di polizze assicurative, contributi specifici di altra natura, quali per esempio provvidenze riconosciute a specifiche categorie, ecc.);
  • ausili che rientrano nel Nuovo Nomenclatore Tariffario delle protesi (D.M. DPCM 12 gennaio 2017 “Definizione e aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza”);
  • apparecchi o impianti di climatizzazione/condizionamento;
  • fotocamere, videocamere analogiche e digitali;
  • telefoni mobili, palmari, impianti di navigazione satellitare, HI-FI, lettori DVD, televisori, ecc.

Le domande vengono presentate, da parte del richiedente, a Regione Lombardia tramite specifica piattaforma on line www.bandi.servizirl.it dal 1 febbraio 2022 alle ore 12.00, completa della documentazione prevista dall’Avviso.

Tutti i dettagli relativi alla procedura guidata di presentazione delle domande saranno definiti all’interno di un Manuale appositamente predisposto da Regione Lombardia disponibile all’interno del Sistema informativo alla data di apertura del Bando.

Alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione, anch’essa caricata elettronicamente sul Sistema Informativo:

  • Il preventivo, o la fattura o la ricevuta fiscale o lo scontrino “parlante” (con l’indicazione del codice fiscale del richiedente /beneficiario oltre alle tipologie di prodotti acquistati)
  • della spesa sostenuta (con data uguale o successiva al 1/01/2018, termine di approvazione della D.G.R. 681/2018
  • ovvero, in caso di ausili o strumenti particolarmente costosi acquistati tramite rateizzazione, copia del contratto di finanziamento rilasciato dalla ditta fornitrice o dalla finanziaria. Nel caso di beneficiario ammesso e non finanziato per mancanza di risorse nella precedente misura (di cui al decreto n. 13682 del 6.11.2017), la fattura o la ricevuta fiscale in allegato alla nuova domanda può essere antecedente alla data sopra indicata ma non oltre il primo gennaio 2018.
  • il certificato del medico specialista ovvero del medico prescrittore, nel caso di ausili riconducibili, che attesti la relazione tra la disabilità/disturbo del beneficiario e lo strumento prescritto.

Il richiedente può a sua discrezione allegare tutta la documentazione in suo possesso attinente alla richiesta.

Il mancato caricamento elettronico dei documenti di cui sopra costituirà causa di inammissibilità della domanda di partecipazione.

La domanda di partecipazione al Bando è trasmesse e protocollata elettronicamente solo a seguito del completamento delle fasi sopra riportate cliccando il pulsante “Invia al protocollo”. Il sistema rilascia in automatico numero di protocollo della domanda presentata.

Ai fini della verifica della data di presentazione della domanda farà fede esclusivamente la data di invio al protocollo registrata dalla procedura online.

L’avvenuta ricezione telematica della domanda è comunicata via posta elettronica all’indirizzo indicato nella sezione anagrafica di Bandi online al soggetto richiedente che riporta il numero identificativo a cui fare riferimento nelle fasi successive dell’iter procedurale.

Le domande sono assegnate ad ATS Brianza in base alla residenza anagrafica del richiedente.

ATS della Brianza entro 30 giorni dalla presentazione dei documenti richiesti:

  • verifica i requisiti previsti per l’ammissione al beneficio, attestati mediante autocertificazione nonché tramite gli allegati (preventivo/fattura/ricevuta fiscale/finanziamento e certificato medico). Sui requisiti autocertificati l’ATS identifica, a campione, le domande su cui effettuare i relativi controlli.
  • valida le domande, con identificazione dell’ammontare del contributo concesso.

Il termine dei 30 giorni si interrompe:

  • nel caso di domande assoggettate a controllo;
  • nel caso di richiesta di ulteriori specifiche del certificato del medico specialista o del medico prescrittore se non dettagliate;
  • nel caso di necessità di ulteriori elementi utili alla valutazione da parte di ATS Brianza (per ausili riconducibili copia del modello 03; per richiesta di protesi acustiche, se non presente nella certificato del prescrittore, esame audiometrico con indicazione della perdita uditiva; per l’area informatica attestazione del possesso di software specifici, prescritti dallo specialista).

Nel caso in cui ATS Brianza richieda integrazioni documentali, sia in fase di istruttoria, che nella fase di concessione del contributo sarà necessario che tutta la documentazione integrativa richiesta venga caricata sul portale Bandi Online entro e non oltre 12 mesi dalla presentazione della domanda stessa. Qualora le integrazioni documentali non venissero fornite nei tempi sopra indicati la domanda di contributo verrà esclusa, con la chiusura della richiesta di contributo sul portale Bandi Online da parte di ATS Brianza.

ATS Brianza, dopo aver valutato l’ammissibilità delle domande, stabilirà il contributo da assegnare ai singoli richiedenti sulla base della tipologia ed entità dell’agevolazione spettante.

Successivamente ATS Brianza provvederà a comunicare l’esito dell’istruttoria ai richiedenti attraverso la piattaforma informatica Bandi Online.

Ai fini della liquidazione del contributo i richiedenti devono presentare, nel caso di ammissibilità tramite preventivo, la relativa fattura o ricevuta fiscale entro 12 mesi dalla presentazione della domanda. Qualora il documento d’acquisto (fattura, finanziamento, scontrino parlante con indicazione del codice fiscale del beneficiario o del richiedente) non venisse fornito nei tempi sopra indicati la domanda di contributo verrà esclusa, con la chiusura della richiesta di contributo sul portale Bandi Online da parte di ATS Brianza.

Negli altri casi, essendo già presente tale documentazione, ATS Brianza procede con il pagamento.

Il contributo viene erogato al richiedente dall’ATS Brianza in un’unica soluzione.

L'assegnazione dei contributi è subordinata alla verdisponibilità del fondo al momento della richiesta.

Ai fini dell’ammissibilità l’ATS identifica, a campione, le domande su cui effettuare i relativi controlli relativamente ai requisiti autocertificati. E’ facoltà di Regione effettuare visite e controlli, anche senza preavviso presso le ATS al fine di verificare il rispetto delle disposizioni della D.G.R. n. 681/2018 e dell’Avviso Regionale. Ove opportuno ATS e Regione Lombardia si riservano la facoltà di richiedere ai beneficiari i chiarimenti e le integrazioni che si rendessero utili ai fini di valutare l’efficacia dell’intervento. I soggetti beneficiari sono tenuti a rispondere nei termini e nei modi di volta in volta indicati dagli uffici regionali competenti.

In caso di inosservanza ed inadempienza delle disposizioni, delle prescrizioni e di tutti gli obblighi Regione Lombardia si riserva di dichiarare la decadenza dal beneficio e, mediante ATS Brianza, non liquiderà il contributo oppure, se le somme saranno già state erogate, provvederà alla revoca e all’adozione di azioni di recupero/compensazione delle somme indebitamente percepite.

Criteri di campionamento individuati da ATS Brianza:

ATS Brianza verificherà il 10% di tutte le richieste pervenute. Ad ogni decima domanda verrà verificato:

  • ATS Brianza verificherà il 10% di tutte le richieste pervenute. Ad ogni decima domanda verrà verificato:

    • residenza
    • ISEE
    • Certificato di invalidità civile/riconoscimento di handicap L.104/92/accertamento alunno disabile.

    Sul 100% delle domande ATS verificherà:

    • Certificazione DSA
    • Concessione di contributo negli ultimi 5 anni
    • Nel caso di dichiarazione di anticipo
    • aggravamento condizione clinica,
    • necessità di sostituzione dell’ausilio/strumento in quanto non più funzionante
    • necessita di adeguamento/potenziamento del software specifico
    • tipologia di ausilio/strumento diversa da quelle finanziate precedentemente
    • che sia trascorso almeno un anno dalla presentazione della domanda autorizzata e liquidata.

 

2.   Unità organizzative responsabili dell'istruttoria

DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE PER L’INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE CON QUELLE SOCIALI

UOC Programmazione e Integrazione territoriale

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è il Direttore della UOC Programmazione e Integrazione territoriale

3. Ufficio del procedimento

DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE PER L’INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE CON QUELLE SOCIALI

UOC Programmazione e Integrazione territoriale

Viale Elvezia, 2 - 20900 Monza - Telefono: 039/2384077

Corso Carlo Alberto, 120 – 23900 Lecco – Telefono: 0341/482388         

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è il Direttore della UOC Programmazione e Integrazione Territoriale

4.   Modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino

Sede Lecco: Corso Carlo Alberto, 120 – 23900 Lecco – Telefono: 0341/482388

Sede Monza: Viale Elvezia, 2 - 20900 Monza Tel. 039.2384255/4077

Orario: da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 15.30

mail:   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.                    

5.   Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione

ATS Brianza garantisce la conclusione del procedimento entro i termini previsti dalla normativa di riferimento.

6.   Procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato ovvero il procedimento può concludersi con il silenzio-assenso dell'amministrazione

Non previsto


7.  Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale

L’ATS Brianza garantisce idonei strumenti di tutela sia amministrativa che giurisdizionale nel rispetto della normativa vigente.

Ai sensi della normativa vigente, atti di concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari alle imprese, e comunque di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati ai sensi dell’art. 12 della l. n. 241/1990, di importo superiore a mille euro sono pubblicati sul sito ATS sezione “Amministrazione trasparente” (https://www.ats-brianza.it/it/amministrazione-trasparente.html).

8.  Link di accesso al servizio on line

www.bandi.servizirl.it Attivo dal 1 febbraio 2022 ore 12.00

9.  Modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari:

La domanda non richiede il pagamento dell’imposta di bollo in quanto esente ai sensi del DPR n. 642/1972.

10.  Nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo

Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Direttore della UOC Programmazione e Integrazione territoriale, limitatamente alle attività localizzate nell’area territoriale di sua competenza. L’esercizio del potere sostitutivo può essere richiesto qualora entro i termini di legge non sia stato adottato il provvedimento amministrativo, laddove non vige la regola del silenzio/assenso, con richiesta motivata indirizzata al Direttore del Dipartimento della Programmazione per l’Integrazione delle prestazioni sociosanitarie con quelle sociali.

11.  Atti e documenti da allegare all'istanza e modulistica necessaria:

Alla domanda on line deve essere allegata la seguente documentazione, anch’essa caricata elettronicamente sul Sistema Informativo:

  • il preventivo, o la fattura, o la ricevuta fiscale della spesa sostenuta (con data successiva al 01.01.2018); lo scontrino deve riportare la specifica dello strumento acquistato e il codice fiscale del beneficiario o del richiedente;
  • ovvero, in caso di ausili o strumenti particolarmente costosi acquistati tramite rateizzazione, copia del contratto di finanziamento rilasciato dalla ditta fornitrice o dalla finanziaria;
  • prescrizione medico-specialistica dell’ausilio/strumento.

Il richiedente può a sua discrezione allegare tutta la documentazione in suo possesso attinente alla richiesta.

12.  Uffici ai quali rivolgersi per informazioni, orari e modalità di accesso con indicazione degli indirizzi, recapiti telefonici e caselle di posta elettronica istituzionale

Dipartimento PIPSS ATS della Brianza

UOC Programmazione e Integrazione territoriale: protocollo@pec.ats-brianza.it

Sede Lecco: Corso Carlo Alberto, 120 – 23900 Lecco – Telefono: 0341/482388

Sede Monza: Viale Elvezia, 2 - 20900 Monza Tel. 039.2384077

Orario: da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 15.30

mail:   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.