Dipartimento veterinario e sicurezza degli alimenti di origine animale

Richiesta apertura allevamento a scopo famigliare di animali da reddito (bovini, ovicaprini, suini, equidi, avicoli).

1.    Descrizione del procedimento
Tutti i cittadini che desiderino attivare un allevamento di animali da reddito a scopo famigliare, anche per un solo animale, o modificare un’attività già esistente devono presentare richiesta di registrazione all’ufficio Veterinario competente, che verificherà la corrispondenza di quanto indicato nella documentazione ricevuta e la sussistenza dei requisiti igienico sanitari di legge.
Infatti, la normativa vigente prevede che tutti gli allevamenti degli animali indicati in intestazione siano registrati nell’anagrafe zootecnica della banca Dati Regionale (B.D.R.). Ogni allevamento è individuato da un codice aziendale alfanumerico costituito da 3 cifre (codice istat del Comune sede dell’allevamento) 2 cifre (sigla della Provincia) 3 cifre (numero dell’allevamento in quel determinato Comune: rilasciato in automatico dal sistema).

2. Unità organizzative responsabili dell'istruttoria
DIPARTIMENTO VETERINARIO E SICUREZZA ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
Servizio Sanità Animale
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile del Servizio SSA
3. Ufficio del procedimento
DIPARTIMENTO VETERINARIO E SICUREZZA ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
Servizio Sanità Animale
Direttore del Servizio: Dr. Fabrizio Galbiati
Corso Carlo Alberto, 120 – 23900 Lecco
Telefono: 0341 482762  fax 482770 e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile del Servizio SSA

4.  Modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino
Il cittadino che intende detenere animali da reddito (bovini, ovicaprini, suini, equidi) o modificare un’attività  del settore sopra specificato deve presentare richiesta di registrazione all’ufficio Veterinario competente per territorio. Il Servizio Veterinario, rilascia, entro 5 giorni, il codice aziendale identificativo dell’allevamento. Ulteriore documentazione (es. registro di carico/scarico aziendale, acquisto di marche auricolari, abilitazione o accreditamento alla Banca Dati Regionale) saranno fornite, in fase di rilascio del codice aziendale.
Nelle aree fortemente urbanizzate, il rilascio del codice aziendale per detenzione di animali da reddito, può essere subordinato a parere preventivo del Comune competente, in base a eventuale Regolamento comunale e/o P.G.T. (Piano di Gestione del Territorio) in vigore.
Infine si ricorda che per le norme sul benessere, gli animali devono avere la possibilità di stabulazione in locali chiusi o strutture dotate di tettoia e chiuse almeno su tre lati, tali da costituire un riparo verso condizioni climatiche avverse ed in possesso dei requisiti igienico sanitari di legge.
Se non già preesistenti, la costruzione di nuove strutture, è subordinata ad autorizzazione comunale.  


5.  Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l'adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante
Entro 5 giorni dalla richiesta; in caso di richiesta di parere preventivo del Comune, i 5 giorni partono dalla risposta del Comune o dopo 30 giorni in caso di silenzio/assenso. Giorno esatto, orario e luogo saranno comunque concordati tra ATS e soggetto richiedente.

6.  Procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato ovvero il procedimento può concludersi con il silenzio-assenso dell'amministrazione
Non previsto.

7. Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale,
Avverso il provvedimento conclusivo del procedimento è ammesso, con il patrocinio di un legale incaricato, ricorso al TAR per la Regione Lombardia, entro il termine di 60 giorni dalla data di notificazione del provvedimento, ai sensi dell’art. 29 e ss. del codice del processo amministrativo (D.L.gs. n.104/2010). In alternativa è ammesso ricorso Straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni dalla medesima data ai sensi del D.P.R. n. 1199/1971.

8. Link di accesso al servizio on line
Per informazioni sul servizio è necessario recarsi e/o contattare gli uffici territoriali dell’ATS della Brianza

9. Modalità per l'effettuazione dei pagamenti
registrazione in BDR e rilascio codice aziendale, gratuito.

10. Nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo,
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile di Servizio, limitatamente alle attività localizzate nell’area territoriale di sua competenza. L’esercizio del potere sostitutivo può essere richiesto qualora entro i termini di legge non sia stato adottato il provvedimento amministrativo, laddove non vige la regola del silenzio/assenso, con richiesta motivata indirizzata al Direttore del Dipartimento Veterinario e Sicurezza degli Alimenti di Origine Animale.
 
11. Atti e documenti da allegare all'istanza e modulistica necessaria, compresi i fac-simile per le autocertificazioni
•   Modulo richiesta di registrazione nuovo allevamento o modifica di allevamento esistente
•   Modulo tipologia e caratteristiche dell’allevamento
•   Modulo delega Ente per la gestione dell’anagrafe zootecnica


12. Uffici ai quali rivolgersi per informazioni, orari e modalità di accesso

Servizio Sanità Animale

 

Richiesta apertura allevamento a scopo commerciale di animali da reddito (bovini, ovicaprini, suini, equini, avicoli).

1.    Descrizione del procedimento
Tutti i cittadini che desiderino attivare un allevamento di animali da reddito a scopo commerciale o modificare un’attività già esistente devono presentare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) all’Ufficio Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) del Comune in cui ha sede l’attività produttiva che si intende attivare/modificare, tramite Posta Elettronica Certificata (PEC).
L’ufficio SUAP trasmetterà la pratica all’ufficio Veterinario competente, che verificherà la corrispondenza di quanto indicato nella documentazione ricevuta e la sussistenza dei requisiti igienico sanitari di legge.
La normativa vigente prevede inoltre, che tutti gli allevamenti siano registrati nelle anagrafi zootecniche della banca Dati Regionale: ogni allevamento è individuato da un codice aziendale alfanumerico costituito da 3 cifre (codice istat del Comune sede dell’allevamento) 2 cifre (sigla della Provincia) 3 cifre (numero dell’allevamento in quel determinato Comune: rilasciato in automatico dal sistema).
Tale registrazione deve essere effettuata presso il Servizio Veterinario competente, successivamente alla presentazione della SCIA.

2. Unità organizzative responsabili dell'istruttoria
DIPARTIMENTO VETERINARIO E SICUREZZA ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
Servizio Sanità Animale
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile del Servizio SSA


3. Ufficio del procedimento
DIPARTIMENTO VETERINARIO E SICUREZZA ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
Servizio Sanità Animale
Direttore del Servizio: Dr. Fabrizio Galbiati
Corso Carlo Alberto, 120 – 23900 Lecco
Telefono: 0341 482762  fax 482770 e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile del Servizio SSA

4.  Modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino
Il cittadino che intende attivare o modificare  un’attività  del settore sopra specificato deve presentare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività  (SCIA) all’ Ufficio SUAP del Comune in cui ha sede l’attività produttiva, tramite PEC (Posta Elettronica Certificata). La SCIA va presentata prima dell’apertura dell’attività. Sono previsti il “Modello A” relativo all’apertura delle nuova attività e il “Modello B” dedicato al  sub-ingresso e/o alle modifiche apportate ad attività esistenti.
La segnalazione dovrà essere corredata di planimetria in scala opportuna dei locali redatta da libero professionista iscritto all’albo, relazione tecnica, fotocopia del documento di identità, ricevuta del versamento.                                                                             
Il Servizio Veterinario competente per la prestazione in oggetto, successivamente al ricevimento della SCIA, entro 30 GIORNI dal ricevimento della stessa procederà alla valutazione della pratica e successivamente, entro 5 giorni, alla registrazione dell’allevamento nella Banca Dati Regionale con contestuale rilascio del codice aziendale identificativo dell’allevamento.
Ulteriore documentazione (es. registro di carico/scarico aziendale, acquisto di marche auricolari, abilitazione o accreditamento alla Banca Dati Regionale) saranno fornite all’utenza presso l’Ufficio Veterinario competente, in fase di rilascio del codice aziendale.


5.  Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione
Entro 30 giorni dalla richiesta e a completamento della pratica entro 5 giorni per rilascio del codice aziendale. Giorno esatto, orario e luogo saranno comunque concordati tra ATS e soggetto richiedente.

6.  Procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato ovvero il procedimento può concludersi con il silenzio-assenso dell'amministrazione
Non previsto.

7. Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale
Avverso il provvedimento conclusivo del procedimento è ammesso, con il patrocinio di un legale incaricato, ricorso al TAR per la Regione Lombardia, entro il termine di 60 giorni dalla data di notificazione del provvedimento, ai sensi dell’art. 29 e ss. del codice del processo amministrativo (D.L.gs. n.104/2010). In alternativa è ammesso ricorso Straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni dalla medesima data ai sensi del d.P.R. n. 1199/1971.

8. Link di accesso al servizio on line
Per informazioni sul servizio è necessario recarsi e/o contattare gli uffici territoriali dell’ATS della Brianza

9. Modalità per l'effettuazione dei pagamenti
- Per l’area territoriale di Monza il bollettino deve essere intestato a “ATS  Brianza settore prestazioni veterinarie servizio tesoreria Monza”; sul “conto corrente n. 41471202”; importo da “€ 51,00”; indicando la causale tariffa cod. A.47 del Tariffario Unico Regionale.
- Per l’area territoriale di Lecco il bollettino deve essere intestato a  “ATS Brianza  Servizio Tesoreria Lecco”,  sul  C/C n. 10222222; importo da “€ 51,00” ;  indicando la causale tariffa cod. A.47 del Tariffario Unico Regionale.

10. Nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile di Servizio, limitatamente alle attività localizzate nell’area territoriale di sua competenza. L’esercizio del potere sostitutivo può essere richiesto qualora entro i termini di legge non sia stato adottato il provvedimento amministrativo, laddove non vige la regola del silenzio/assenso, con richiesta motivata indirizzata al Direttore del Dipartimento Veterinario e Sicurezza degli Alimenti di Origine Animale.
 
11. Atti e documenti da allegare all'istanza e modulistica necessaria
•    Modulo richiesta di registrazione nuovo allevamento o modifica di allevamento esistente
•    modulo tipologia e caratteristiche dell’allevamento
•    modulo delega Ente per la gestione dell’anagrafe zootecnica


12. Uffici ai quali rivolgersi per informazioni

Serivio di Sanità Animale

 

Autorizzazione sanitaria per detenere scorte di medicinali veterinari nelle strutture di cura degli animali e al di fuori delle strutture di cura ai fini dell’ attività zooiatrica


1.    Descrizione del procedimento
Il proprietario, il rappresentante legale o il titolare di una struttura veterinaria di cura degli animali ( studio veterinario associato, ambulatorio veterinario , clinica o casa di cura veterinaria, ospedale veterinario)  può essere autorizzato dalla ATS ( Dipartimento veterinario Servizio IAPZ) a tenere adeguate scorte di medicinali veterinari purché della custodia e dell'utilizzazione delle stesse, ne sia responsabile un medico veterinario in qualità di Direttore sanitario.
Il veterinario che opera indipendentemente da una struttura veterinaria di cura degli animali ( attività zooiatrica) può essere autorizzato dalla ATS ( Dipartimento veterinario Servizio IAPZ) a tenere adeguate scorte di medicinali veterinari purché siano custodite sotto la sua responsabilità in idoneo locale reso accessibile su richiesta delle autorità di controllo


2. Unità organizzative responsabili dell'istruttoria
DIPARTIMENTO VETERINARIO E SICUREZZA ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
Servizio igiene allevamenti e produzioni zootecniche
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile del Servizio IAPZ


3. Ufficio del procedimento
DIPARTIMENTO VETERINARIO E SICUREZZA ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
Servizio igiene allevamenti e produzioni zootecniche
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile del Servizio IAPZ

4. Modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino
Il proprietario, il rappresentante legale o il titolare di una struttura veterinaria di cura degli animali ( studio veterinario associato, ambulatorio veterinario , clinica o casa di cura veterinaria, ospedale veterinario) o Il veterinario che opera indipendentemente da una struttura veterinaria di cura degli animali ( attività zooiatrica) interessati  ad ottenere l’autorizzazione alla detenzione di scorte di medicinali veterinari, inoltra istanza alla ATS Servizio IAPZ), utilizzando il modello (ID 04456) compilato nelle parti di interesse ed allegando i documenti richiesti in particolare nel caso di struttura veterinaria di cura:
-    la dichiarazione assunzione responsabilità  del veterinario  responsabile scorte ( Direttore sanitario) : modello (ID 04452)
-    la dichiarazione di accettazione quale  sostituto del veterinario responsabile delle scorte: modello (ID 03232 ) qualora nominato  

Il richiedente l’autorizzazione  qualora operi  nel settore degli animali zootecnici DPA  e  non utilizza il sistema informatico della  ricetta elettronica ( VETINFO) ai fini della registrazione dei trattamenti effettuati agli animali nei casi contemplati dalla normativa , consegna il registro cartaceo dei  trattamenti da sottoporre a numerazione e vidimazione dell’ATS.
L’ATS esegue un sopralluogo al fine di verificare se il richiedente abbia  i requisiti richiesti dal D.Lvo 193/2009 per la detenzione di scorte di medicinali veterinari
Qualora il sopralluogo dia esito favorevole, l’ATS provvede a rilasciare alla struttura veterinaria di cura o al veterinario zooiatra l’ autorizzazione sanitaria per detenere adeguate scorte di medicinali veterinari e se consegnato, il registro dei trattamenti numerato e vidimato.
L’ATS contestualmente provvede ad aggiornare il sistema informativo della ricetta elettronica (VETINFO) con i nuovi dati.
Variazioni di informazioni contenute nella autorizzazione sanitaria
Qualora presso una struttura di cura degli animali venga sostituito il Direttore sanitario responsabile della gestione delle scorte di medicinali veterinari, il titolare dell’autorizzazione comunica  all’ATS,  Servizio Igiene Allevamenti Produzioni Zootecniche (SIAPZ) con il modello (ID 04461) la variazione accorsa.
L’ATS Servizio IAPZ valutata con esito favorevole la documentazione presentata, provvederà, sulla base della comunicazione ricevuta,  all’aggiornamento dell’autorizzazione con atto distinto.
Nel caso di variazione dell’eventuale veterinario sostituto del veterinario responsabile delle scorte, il veterinario sostituto subentrante, dovrà comunicare all’ATS  Servizio IAPZ, di accettare l’incarico di sostituto   del veterinario responsabile  delle scorte presso quella data struttura di cura,  trasmettendo il modello (ID 03232) compilato correttamente e con gli allegati richiesti

L’ATS Servizio IAPZ provvederà a modificare nel sistema informativo della ricetta elettronica (VETINFO) le variazioni apportate.

Qualsiasi variazione inerente l’autorizzazione sanitaria rilasciata al veterinario zooiatra  senza struttura di cura per la detenzione di scorte di medicinali veterinari, rende l’autorizzazione nulla.
Il veterinario zooiatra deve comunicare qualsiasi variazione ai dati contenuti nella propria  autorizzazione alla detenzione di scorte di medicinali all’ATS,  Servizio Igiene Allevamenti Produzioni Zootecniche (SIAPZ) ai fini della revoca .

5. Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l'adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante
Entro giorni 30 dall’invio della domanda, fatto salvo carenze o non conformità sia delle documentazioni inoltrate dal richiedente sia dei requisiti relativi all’impianto e all’attività che interrompono i termini per la conclusione del procedimento.


6. Procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato ovvero il procedimento può concludersi con il silenzio-assenso dell'amministrazione
Per questo procedimento non è possibile utilizzare la dichiarazione sostitutiva di certificazione;

7. Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale
Avverso il provvedimento conclusivo del procedimento è ammesso, con il patrocinio di un legale incaricato, ricorso al TAR per la Regione Lombardia, entro il termine di 60 giorni dalla data di notificazione del provvedimento, ai sensi dell’art. 29 e ss. del codice del processo amministrativo (D.L.gs. n.104/2010). In alternativa è ammesso ricorso Straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni dalla medesima data ai sensi del d.P.R. n. 1199/1971.


8. link di accesso al servizio on line
Per usufruire del servizio è necessario recarsi presso gli uffici territoriali dell’ATS della Brianza


9. Modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari
E’ previsto il pagamento di una tariffa (come indicato nel Tariffario dell’ATS della Brianza approvato con Delibera del Direttore Generale n.46 del 28/01/2016) a mezzo bancomat presso gli uffici periferici del Servizio, tramite pagamento a mezzo cc/postale o tramite bonifico bancario la cui evidenza di avvenuto pagamento dovrà essere presentata contestualmente alla domanda.
Le tariffe previste sono quelle specificate alla voce del Tariffario codice : A.29.01 pari ad € 69,36
Bonifico bancario sul c/c bancario 46079 intestato a ATS DELLA BRIANZA presso Intesa San Paolo – Piazza Trento e Trieste, 10 – 20900 Monza IBAN IT 30 R 03069 20407 100000046079.
Versamento mediante bollettino postale sul c/c postale n. 41471202 intestato alla ATS Brianza - Settore Prestazioni Veterinarie - Servizio Tesoreria Monza


10. Nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo, nonché  modalità per attivare tale potere, con indicazione dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile di Servizio. L’esercizio del potere sostitutivo può essere richiesto qualora entro i termini di legge non sia stato adottato il provvedimento amministrativo, laddove non vige la regola del silenzio/assenso, con richiesta motivata indirizzata al Direttore del Dipartimento Veterinario e Sicurezza degli Alimenti di Origine Animale.

11. Atti e documenti da allegare all'istanza e modulistica necessaria, compresi i fac-simile per le autocertificazioni


12. Uffici ai quali rivolgersi per informazioni, orari e modalità di accesso
Servizio igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche

13. Uffici ai quali rivolgersi per informazioni, orari e modalità di accesso

Servizio igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche

 

Affidamento di cani presenti nei canili


1.   Descrizione del procedimento

Il canile sanitario è la struttura di prima accoglienza dei cani ritrovati vaganti sul territorio. I cani ricoverati, se hanno un padrone, vengono restituiti ai legittimi proprietari mentre quelli senza padrone sono intestati al Comune dove è avvenuta la cattura e trasferiti al canile rifugio convenzionato con il Comune medesimo. E’ possibile ottenere l’adozione di questi cani, già identificati con microchip, vaccinati e trattati verso le più comuni patologie della specie, non riscattati da eventuali proprietari.
Possono essere adottati anche gatti che, per vari motivi, non possono essere reintrodotti in una colonia.
L’adozione è comunque un momento importante, per cui richiede un'approfondita, sincera e serena riflessione famigliare sulla grande responsabilità che ci si assume. Vanno valutati gli aspetti più impegnativi legati alla convivenza con un animale e le risorse disponibili: economiche per la sua cura ed alimentazione, di tempo per il gioco e la sua educazione, di sacrificio e rinunce per vacanze e tempo libero, spazi domestici.

2.  Unità organizzative responsabili dell'istruttoria

DIPARTIMENTO VETERINARIO E SICUREZZA ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
Servizio Igiene Urbana e Veterinaria
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile del Servizio IUV

3. Ufficio del procedimento

DIPARTIMENTO VETERINARIO E SICUREZZA ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
Servizio Igiene Urbana e Veterinaria
Direttore del Servizio : Dr. Diego Perego
Indirizzo: via Novara, 3 - Desio (MB)
Recapiti telefonici: tel. 0362 304822/75 fax 0362 304823
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari di aperture al pubblico: da Lunedì a Venerdì  ore 9.00 - 12.00 – ore 14.00-16.00, chiuso martedì e giovedì pomeriggio.
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile del Servizio IUV

4.  Modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino
Per adottare un animale bisogna essere maggiorenni e non avere riportato condanne penali per maltrattamento. Il cittadino si presenta, nei giorni e negli orari indicati, con il proprio codice fiscale e un documento di identità valido, presso i canili presenti sul nostro territorio e di seguito indicati.
Saranno seguiti e consigliati dai volontari delle Associazioni di protezione animali presenti presso i canili. Il cittadino che decide di adottare un cane/gatto, dovrà compilare e firmare il modulo di adozione presente in canile. Verrà quindi rilasciato copia del presente modulo che attesta la proprietà dell’animale. La registrazione della proprietà/detenzione del cane nell’Anagrafe Regionale verrà effettuata direttamente da questo Dipartimento di Prevenzione Veterinario, senza che l’affidatario debba recarsi presso l’ufficio competente per territorio del Dipartimento di Prevenzione Veterinario della sua ATS (per i cani affidati dai canili rifugio di questa ATS). Fa eccezione, l’affidatario residente fuori dal territorio di competenza di questa ATS: in questo caso, il nuovo proprietario ha l’obbligo di notificare al Servizio Veterinario competente per territorio il possesso dell’animale, nei tempi e modi previsti dalla normativa vigente in quella Regione.
Canili convenzionati:
•    canile Fusi – Lissone (MB), via delle Industrie, 74 - tel. 039.480732, aperto tutti i giorni non festivi (escluso il mercoledì) dalle 11.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00;
•    canile Municipale di Monza (gestito dall'ENPA - Monza), via Buonarroti, 52 - tel. 039 835623 - aperto tutti i giorni non festivi (escluso il mercoledì) dalle 14.30-17.30;
•    canile sanitario di Lecco, via Fra Galdino snc – tel. 0341 368652, aperto lunedì, mercoledì e giovedì dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 15.00; martedì aperto dalle 14.00 alle 15.00 e venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.00.
•    canile Rifugio di Merate (LC), gestito dalla lega nazionale difesa del cane, via Ca’ Rossa (Frazione Brugarolo) – telefono 039-9275380 – aperto dal Lunedì al Venerdì dalle 14.30 alle 16.30;  sabato e domenica dalle 14.00  alle 18.00
Chiuso giovedì pomeriggio.

https://www.anagrafecaninalombardia.it/ananaf/


5. Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione

I termini sono indicati, previo contatto telefonico, da ciascun singolo canile sopra individuato

6.  Procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato ovvero il procedimento può concludersi con il silenzio-assenso dell'amministrazione
Per questo procedimento non è possibile utilizzare la dichiarazione sostitutiva di certificazione


7.  Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale

Avverso il provvedimento conclusivo del procedimento è ammesso, con il patrocinio di un legale incaricato, ricorso al TAR per la Regione Lombardia, entro il termine di 60 giorni dalla data di notificazione del provvedimento, ai sensi dell’art. 29 e ss. del codice del processo amministrativo (D.L.gs. n.104/2010). In alternativa è ammesso ricorso Straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni dalla medesima data ai sensi del d.P.R. n. 1199/1971.

8.  Link di accesso al servizio on line
Per usufruire del servizio è necessario recarsi presso gli uffici territoriali dell’ATS della Brianza

9.   Modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari
La prestazione è gratuita.

10.  Nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile di Servizio, limitatamente alle attività localizzate nell’area territoriale di sua competenza. L’esercizio del potere sostitutivo può essere richiesto qualora entro i termini di legge non sia stato adottato il provvedimento amministrativo, laddove non vige la regola del silenzio/assenso, con richiesta motivata indirizzata al Direttore del Dipartimento Veterinario e Sicurezza degli Alimenti di Origine Animale.

 
11.  Atti e documenti da allegare all'istanza e modulistica necessaria

Modulo di adozione presente nei canili sopra indicati


12.  Uffici ai quali rivolgersi per informazioni, orari e modalità di accesso con indicazione degli indirizzi, recapiti telefonici e caselle di posta elettronica istituzionale a cui presentare le istanze
Sede di Besana in Brianza
Indirizzo: via San Siro 25/A – Besana in Brianza (MB)
Recapiti telefonici: tel. 0362 996252 fax 0362 996602
Orari di aperture al pubblico: da Lunedì a Venerdì  ore 9.00 – 12.00
Competente per i Comuni di: Albiate – Besana Brianza – Briosco – Carate Brianza – Renate – Triuggio – Veduggio con Colzano – Verano Brianza.
Sede di Desio
Indirizzo: via Novara, 3 - Desio (MB)
Recapiti telefonici: tel. 0362 304822/75 fax 0362 304823
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari di aperture al pubblico: da Lunedì a Venerdì ore 9.00 - 12.00 e ore 14.00 - 16.00. Chiuso il martedì e il giovedì pomeriggio.
Competente per i Comuni di: Barlassina - Bovisio Masciago - Ceriano Laghetto - Cesano Maderno - Cogliate - Desio - Giussano - Lazzate - Lentate Sul Seveso - Limbiate - Meda - Misinto – Muggiò -Nova Milanese - Seregno - Seveso - Varedo.
Sede di Monza
Indirizzo: via De Amicis, 17 - Monza (MB)
Recapiti telefonici: tel. 039 2384611/14 fax 039 39412613
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari di aperture al pubblico: da Lunedì a Venerdì ore 9.00 - 12.00 e ore 14.00 - 16.00. Chiuso il giovedì e il venerdì pomeriggio.
Competente per i Comuni di: Biassono – Brugherio – Lissone – Macherio – Sovico – Vedano al Lambro – Villasanta Monza.
Sede di Vimercate
Indirizzo: via Roma, 85 - Usmate Velate (MB)
Recapiti telefonici: tel. 039 6288028/29 fax 039 6288037
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari di aperture al pubblico: da Lunedì a Venerdì 9.00 - 12.00 e 14.00 - 16.00. Chiuso il mercoledì pomeriggio.
Competente per i Comuni di: Agrate Brianza - Aicurzio - Arcore - Bellusco - Bernareggio - Burago Molgora - Busnago - Camparada - Caponago - Carnate - Cavenago - Cornate D'Adda - Concorezzo - Correzzana - Lesmo - Mezzago - Ornago - Roncello - Ronco Briantino - Sulbiate - Usmate Velate – Vimercate
AREA TERRITORIALE DI LECCO
Corso Carlo Alberto, 120 – 23900 Lecco
Telefono: 0341 482760  fax 482770 e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sede di Bellano
Indirizzo: via Papa Giovanni XXIII, 15 – Bellano
Recapiti telefonici: tel. 0341 822118  fax 0341 822120
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari di aperture al pubblico: da Lunedì a Venerdì ore 8.30 - 12.00
Competente per i Comuni di: Abbadia Lariana - Ballabio - Barzio - Bellano - Casargo - Cassina Valsassina  - Colico - Cortenova –Crandola - Valsassina - Cremeno  - Dervio - Dorio - Esino Lario - Introbio - Introzzo - Lierna - Mandello del Lario - Margno - Moggio -Morterone - Pagnona - Parlasco -  Pasturo - Perledo - Premana - Primaluna - Sueglio -Taceno -Tremenico - Varenna - Vendrogno  -Vestreno.
Sede di Lecco
Indirizzo: via G. Tubi, 43 - Lecco
Recapiti telefonici: tel. 0341 482429/453  fax 0341 482427
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari di aperture al pubblico: da lunedì a venerdì  ore 9.00  - 12.30
Competente per i Comuni di: Annone di Brianza - Bosisio Parini - Bulciago - Calolziocorte - Carenno - Castello Brianza - Cesana Brianza - Civate - Colle Brianza - Costa Masnaga Dolzago - Ello - Erve - Galbiate -Garbagnate Monastero - Garlate - Lecco  - Malgrate - Molteno - Monte Marenzo - Nibionno - Oggiono - Olginate - Oliveto Lario - Pescate - Rogeno - Sirone - Suello - Torre De' Busi - Valgreghentino - Valmadrera -Vercurago.
Sede di Merate
Indirizzo: via S. Vincenzo, 6 - Merate
Recapiti telefonici: tel. 039 5916371  fax 039 5916416
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari di aperture al pubblico: da lunedì a venerdì  ore 9.00  - 12.30  
Competente per i Comuni di: Airuno - Barzago - Barzanò - Brivio - Calco   Casatenovo - Cassago Brianza - Cernusco Lombardone - Cremella - Imbersago - Lomagna - Merate - Missaglia - Montevecchia - Monticello Brianza - Olgiate Molgora - Osnago - Paderno d'Adda - Robbiate - La Valletta Brianza -  Santa Maria Hoe' - Sirtori  - Verderio - Viganò.
Sede di Casatenovo – solo per sterilizzazioni di colonie feline
Indirizzo: via Monteregio, 15 –  Casatenovo
Recapiti telefonici: tel. 039 9231223
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Autorizzazione alla detenzione di scorte di medicinali veterinari presso gli allevamenti di animali le cui carni o prodotti sono destinati all’alimentazione umana ( animali DPA) e presso gli allevamenti di animali non DPA

1.Descrizione del procedimento

Il proprietario di animali DPA o non DPA, può essere autorizzato dalla ATS ( Dipartimento veterinario) a tenere adeguate scorte di medicinali veterinari purché sussistano valide motivazioni e purché della custodia e dell'utilizzazione delle stesse, ne sia responsabile un medico veterinario che ne garantisce l’uso prudente e consapevole e la corretta conservazione dei medicinali.

Il Veterinario responsabile può individuare uno o più medici veterinari quali sostituti ad operare in sua vece presso lo stesso allevamento.

Nei casi previsti, Il proprietario degli animali può delegare al momento della richiesta dell’autorizzazione o in seguito , il detentore dei propri animali alla gestione dei medicinali delle scorte.

2. Unità organizzative responsabili dell'istruttoria

DIPARTIMENTO VETERINARIO E SICUREZZA ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
Servizio igiene allevamenti e produzioni zootecniche
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile del Servizio IAPZ

3. Ufficio del procedimento

DIPARTIMENTO VETERINARIO E SICUREZZA ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
Servizio igiene allevamenti e produzioni zootecniche
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile del Servizio IAPZ


4. Modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino

Il proprietario degli animali sia DPA che non DPA, interessato ad ottenere l’autorizzazione alla detenzione di scorte di medicinali veterinari, inoltra istanza all’ATS Servizio Igiene Allevamenti Produzioni Zootecniche (SIAPZ) utilizzando il modello (ID 04125 ) compilato nelle parti di interesse ed allegando i documenti richiesti in particolare:

-       la dichiarazione assunzione responsabilità del veterinario responsabile scorte : modello (ID 04452)

-       la dichiarazione di accettazione quale sostituto del veterinario responsabile delle scorte: modello

(ID 03232 ) qualora nominato

Il proprietario degli animali sia DPA che non DPA ,contestualmente alla domanda di autorizzazione, qualora non utilizzi il sistema informatico della ricetta elettronica ( VETINFO) ai fini della registrazione dei trattamenti effettuati agli animali nei casi contemplati dalla normativa , consegna il registro cartaceo dei trattamenti da sottoporre a numerazione e vidimazione dell’ATS.

L’ATS esegue un sopralluogo per verificare se l’allevamento ha i requisiti richiesti dal D.Lvo 193/2009 per la detenzione di scorte di medicinali veterinari

Qualora il sopralluogo dia esito favorevole, l’ATS provvede a rilasciare al proprietario degli animali DPA o non DPA, l’autorizzazione alla detenzione di scorte di medicinali veterinari e se consegnato, il registro dei trattamenti numerato e vidimato.

L’ATS contestualmente provvede ad aggiornare il sistema informativo della ricetta elettronica (VETINFO) con i nuovi dati.

5. Variazioni di informazioni contenute nella autorizzazione sanitaria

Nel caso intervengano le seguenti modifiche rispetto ai dati contenuti nell’autorizzazione alla detenzione di scorte di medicinali veterinari, nello specifico: variazione del veterinario responsabile della scorta, variazione del detentore degli animali delegato all’utilizzo dei medicinali della scorta, rinuncia all’autorizzazione alla detenzione di scorte di medicinali veterinari, cessazione dell’attività di allevamento;

il titolare dell’autorizzazione comunica all’ATS, Servizio Igiene Allevamenti Produzioni Zootecniche (SIAPZ) con il modello (ID 04455) le modifiche intervenute , chiedendo contestualmente l’aggiornamento dell’autorizzazione o la revoca della stessa nel caso di rinuncia o di cessazione di attività.

L’ATS Servizio IAPZ valutato con esito favorevole la documentazione presentata, provvederà, sulla base della comunicazione ricevuta, all’aggiornamento dell’autorizzazione con atto distinto o alla revoca della stessa.

Nel caso di variazione dell’eventuale veterinario sostituto del veterinario responsabile delle scorte, il veterinario sostituto subentrante, dovrà comunicare all’ATS Servizio IAPZ, di accettare l’incarico di sostituto   del veterinario responsabile delle scorte presso quel dato allevamento, trasmettendo il modello (ID 03232)

compilato correttamente e con gli allegati richiesti

L’ATS Servizio IAPZ provvederà a modificare nel sistema informativo della ricetta elettronica (VETINFO) le variazioni comunicate qualora necessario.

6. Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l'adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante

Il termine è fissato 90 giorni dall’invio della domanda, fatto salvo carenze o non conformità sia delle documentazioni inoltrate dal richiedente sia dei requisiti relativi all’impianto o all’attività che interrompono i termini per la conclusione del procedimento.

7. Procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato ovvero il procedimento può concludersi con il silenzio-assenso dell'amministrazione

Per questo procedimento non è possibile utilizzare la dichiarazione sostitutiva di certificazione

8.Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale

Avverso il provvedimento conclusivo del procedimento è ammesso, con il patrocinio di un legale incaricato, ricorso al TAR per la Regione Lombardia, entro il termine di 60 giorni dalla data di notificazione del provvedimento, ai sensi dell’art. 29 e ss. del codice del processo amministrativo (D.L.gs. n.104/2010). In alternativa è ammesso ricorso Straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni dalla medesima data ai sensi del d.P.R. n. 1199/1971.

9. LInk di accesso al servizio on line
Per usufruire del servizio è necessario recarsi presso gli uffici territoriali dell’ATS della Brianza

10. Modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari
E’ previsto il pagamento di una tariffa come indicato nel Tariffario dell’ATS della Brianza a mezzo bancomat presso gli uffici periferici del Servizio, tramite pagamento a mezzo cc/postale o tramite bonifico bancario la cui evidenza di avvenuto pagamento dovrà essere presentata contestualmente alla domanda.

Bonifico bancario sul c/c bancario 46079 intestato a ATS DELLA BRIANZA presso Intesa San Paolo – Piazza Trento e Trieste, 10 – 20900 Monza IBAN IT 30 R 03069 20407 100000046079.
Versamento mediante bollettino postale sul c/c postale n. 41471202 intestato alla ATS Brianza - Settore Prestazioni Veterinarie - Servizio Tesoreria Monza

11. Nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile di Servizio, limitatamente alle attività localizzate nell’area territoriale di sua competenza. L’esercizio del potere sostitutivo può essere richiesto qualora entro i termini di legge non sia stato adottato il provvedimento amministrativo, laddove non vige la regola del silenzio/assenso, con richiesta motivata indirizzata al Direttore del Dipartimento Veterinario e Sicurezza degli Alimenti di Origine Animale.


12. Atti e documenti da allegare all'istanza e modulistica necessaria

ID 04125 domanda proprietario per tenere scorte di medicinali veterinari proprio allevamento

ID 04452 assunzione di responsabilità della custodia scorte medicinali veterinari

ID 03232 dichiarazione di accettazione quale sostituto del veterinario responsabile delle scorte

ID 04455 richiesta di modifiche autorizzazione alle scorte

 

13. Uffici ai quali rivolgersi per informazioni, orari e modalità di accesso

Servizio Igiene Allevamenti Produzioni Zootecniche