Login

Bonus Famiglia 2019 e successiva integrazione con decreto n.345 del 15/1/2019

 

Con decreto della Direzione Generale Politiche per la Famiglia, Genitorialità e Pari Opportunità n°19392 del 21/12/20187230 viene approvato l’avviso pubblico per il riconoscimento del Bonus Famiglia per il periodo dal 01 gennaio 2019  al 30 giugno 2019 in attuazione della DGR n.859 del26/11/18  
La misura Bonus Famiglia 2019  prevede l'erogazione di un sostegno economico per le famiglie in condizione di vulnerabilità in cui la donna è in stato di gravidanza o per le  famiglie che adottano un figlio, per il periodo compreso dal 1 gennaio al 30 giugno 2019.
 
1.Descrizione del processo per il riconoscimento del contributo
Sostegno per famiglie in condizione di vulnerabilità che sono in attesa di un figlio o che adottano un figlio attraverso un contributo economico a valere sul periodo della gestazione e di prima cura del neonato/figlio adottato  e un progetto personalizzato ,nel caso di gravidanza.  
Chi può accedere:
•    famiglie in condizioni di vulnerabilità, determinate da basso reddito e/o da problematiche sociali, abitative, lavorative, sanitarie. Le condizioni di vulnerabilità devono essere attestate dal servizio sociale del Comune di residenza,  dal Centro di aiuto alla Vita (CAV) o dal Consultorio Familiare;
•    famiglie adottive
In caso di gravidanza il contributo, pari a € 1.500 viene  erogato in due quote:
-          € 750 entro 60 giorni dalla validazione della domanda;
-          € 750 entro 30 giorni dalla presentazione del certificato di nascita o della tessera sanitaria del neonato;
In caso di adozione il contributo viene erogato in un’unica soluzione dopo l’approvazione della domanda di accesso al beneficio.
 In  caso di gravidanze/adozioni gemellari, il contributo viene  moltiplicato per il numero di figli.
Chi deve presentare la richiesta
La domanda deve essere presentata da parte della madre o del padre del nascituro/figlio adottato.
Nel caso di richiesta di contributo da parte di donne/famiglie in attesa di un figlio, la domanda può essere presentata in qualsiasi momento della gravidanza, a partire da quando la stessa risulti documentabile.
Nel caso in cui il/la richiedente sia minorenne, la domanda deve essere sottoscritta da coloro che esercitano la responsabilità genitoriale o dal tutore.

Come presentare la domanda
La domanda di partecipazione deve essere presentata online sulla piattaforma informativa “Bandi online” all’indirizzo  www.bandi.servizirl.it
Nella domanda on-line di partecipazione al Bando, il/la richiedente deve, tra le altre informazioni richieste in anagrafica, fornire le seguenti ulteriori dichiarazioni, sostitutive di certificazioni o atto notorio ai sensi del DPR 445/2000:
- di essere residente in Lombardia per un periodo continuativo da almeno 5 anni, con indicazione dell’anno di inizio della residenza;
- che l’altro genitore è residente in Lombardia per un periodo continuativo da almeno 5 anni, con indicazione dell’anno di inizio della residenza;
- di essere in possesso di ISEE/DSU in corso di validità, rilasciato ai sensi del D.P.C.M. 159/2013, inferiore o uguale a € 22.000,00, con indicazione data di rilascio, numero identificativo dell’ISEE/DSU, importo valore ISEE;
- che l’altro genitore non ha presentato domanda per il Bonus Famiglia 2019 per il medesimo figlio;
- di non essere titolare di altre agevolazioni a valere su analoghe iniziative attivate a livello comunale o nazionale a sostegno della natalità;
- che l’altro genitore non è titolare di altre agevolazioni a valere su analoghe iniziative attivate a livello comunale o nazionale a sostegno della natalità;
- eventuale situazione di nucleo mono genitoriale;
- data presunta del parto come da documento allegato alla domanda;
- eventuale gravidanza plurima come da documento allegato alla domanda;
- data della sentenza di adozione/decreto di collocamento in famiglia del minore; numero figli adottati (per le richieste afferenti all’area adozioni);
- di essere tutore legale della minorenne in gravidanza/della persona che non ha capacità di agire;
- che la persona in conto ed in nome della quale si agisce soddisfa i requisiti di residenza anagrafica e di ISEE (nel caso di richieste avanzate da coloro che esercitano la responsabilità genitoriale o dal tutore);
- di essere a conoscenza che, in caso di falsità in atti e/o di dichiarazioni mendaci, sarà soggetto alle sanzioni previste dal Codice Penale e dalle leggi speciali in materia, secondo quanto disposto dall’art. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n° 445, nonché alla revoca del beneficio eventualmente conseguito sulla base della dichiarazione non veritiera ai sensi dell’art. 75 del citato D.P.R. n° 445/2000.
 
Il richiedente, in caso di gravidanza, dovrà inoltre indicare:
- il soggetto che ha rilasciato la scheda relativa al colloquio per la valutazione della vulnerabilità (Ambito/comune, CAV, Consultorio);
- la/e situazione/i di vulnerabilità;
- il consultorio prescelto per la condivisione del progetto personalizzato .
Il richiedente dovrà inoltre provvedere ad allegare la seguente documentazione anch’essa da caricare sul Sistema Informativo:
Per le situazioni afferenti alla gravidanza:
- Scheda di avvenuto colloquio per la valutazione della condizione di vulnerabilità (modello allegato A1);
- Certificato di gravidanza;
Per le situazioni di adozione:
- Sentenza di adozione o decreto di collocamento del minore in famiglia.
La domanda di partecipazione deve essere presentata esclusivamente online sulla piattaforma informativa “Bandi online” all’indirizzo  www.bandi.servizirl.it a partire dalle ore 10:00 del 16/01/2019.
Il mancato caricamento elettronico dei documenti di cui sopra costituirà causa di inammissibilità della domanda di partecipazione.
Le domande  saranno ammesse a finanziamento, sino ad esaurimento risorse, dopo apposita istruttoria e verifica dei requisiti svolta da parte dell’ATS della Brianza.
Al richiedente che presenta domanda dopo la nascita del neonato non è riconosciuto il contributo, fatto salvo il caso della nascita intercorrente tra il 1°gennaio 2019 e il 28 febbraio per assicurare l’ apertura del sistema “Bandi on line” per l’inserimento della domanda di contributo, ma anche in considerazione delle tempistiche necessarie alla famiglia per l’ottenimento dell’ISEE o DSU valida per il 2019.

In questo caso il richiedente deve comunque allegare la documentazione richiesta per lo stato di gravidanza.   
 
2.   Unità organizzative responsabili dell'istruttoria
DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE PER L’INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE CON QUELLE SOCIALI
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è il responsabile dell’UOC Fragilità e Cronicità
3. Ufficio del procedimento
UOC Fragilità e Cronicità
Responsabile del Servizio: Dr.ssa Paola Passoni
Viale Elvezia, 2 - 20900 Monza - Telefono: 039/2384078
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile della gestione del procedimento è la dr.ssa Paola Passoni


4.   Modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso
Per avere informazioni sullo stato di avanzamento della pratica e sul pagamento dei contributi del Bonus Famiglia, i richiedenti possono rivolgersi agli operatori della UOC Fragilità e Cronicità - ATS della Brianza, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 14.00 alle ore 16.00  ai seguenti numeri telefonici:
Sede di Monza: referente Alessia Ferrario Tel. 039/2384962  Sede di Lecco: referente Felicita Burini Tel. 0341/482398
E’ possibile inoltre  scrivere alla casella di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Il dettaglio dell'iniziativa è visibile su: www.regione.lombardia.it -sezione bandi

5.   Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione
L’ATS Brianza garantisce la conclusione del procedimento entro i termini previsti dalla normativa di riferimento.

6.  Link di accesso al servizio on line
Il dettaglio dell'iniziativa è visibile su: www.bandi.servizirl.it ,   www.regione.lombardia.it  - sezione bandi


7. Modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari
La domanda non richiede il pagamento dell’imposta di bollo in quanto esente ai sensi dell’art. 8 del DPR 642/1972 “Disciplina dell’imposta di bollo”.

8.  Nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile della UOC Fragilità e Cronicità, dr.ssa Paola Passoni, limitatamente alle attività localizzate nell’area territoriale di sua competenza. L’esercizio del potere sostitutivo può essere richiesto qualora entro i termini di legge non sia stato adottato il provvedimento amministrativo, laddove non vige la regola del silenzio/assenso, con richiesta motivata e indirizzata al Direttore del Dipartimento della Programmazione per l’Integrazione delle prestazioni sociosanitarie con quelle sociali.

9.  Atti e documenti da allegare all'istanza e modulistica necessaria:
Per i documenti previsti consultare il sito: www.bandi.servizirl.it
   
10.  Uffici ai quali rivolgersi per informazioni, orari e modalità di accesso con indicazione degli indirizzi, recapiti telefonici e caselle di posta elettronica istituzionale a cui presentare le istanze
UOC Fragilità e Cronicità ATS della Brianza
dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 14.00 alle ore 16.00
Sede di Monza: Tel. 039/2384962  
Sede di Lecco: Tel. 0341/482398
Casella di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Regione Lombardia - Avviso pubblico per il riconoscimento del Bonus Famiglia 2019Avviso pubblico per il riconoscimento del Bonus Famiglia 2019