ats-brianza.it

Elenco C (Ordinanza 29 luglio 2021 prorogata da Ordinanza 28 agosto 2021)

Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Finlandia, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Germania, Grecia, Irlanda, Israele, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna (inclusi territori nel continente africano), Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco.

  • Obbligo di presentazione al vettore all'atto dell'imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare controlli di:
  • modulo di localizzazione in formato digitale (Passenger Locator Form- dPLF)

 

  • una delle seguenti certificazioni verdi COVID-19
  1. avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, con attestazione del completamento del prescritto ciclo vaccinale da almeno quattordici giorni (con vaccino riconosciuto da Ema)
  2. avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell'isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2
  3. effettuazione nelle quarantotto (48) ore antecedenti all'ingresso in Italia, di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo al virus SARS-CoV-2

     o di certificazione equivalente (per Stati extra UE es. Israele)

  • Obbligo di comunicare immediatamente il proprio ingresso in Italia al Dipartimento di Prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio (per chi è domiciliato anche temporaneamente nelle Province di Monza e della Brianza e di Lecco ad ATS Brianza) Form da compilare per Dipartimento di Prevenzione

In caso di mancata presentazione di certificazione verde:

- obbligo di sottoporsi a isolamento fiduciario di 5 giorni 

- obbligo di ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei cinque giorni di quarantena

MINORI: i bambini che non hanno compiuto 6 anni sono esentati dall’obbligo di tampone. Per i minori dai 6 a 17 anni, non in possesso di altre certificazioni verdi, il tampone è obbligatorio.
Sono esenti da isolamento fiduciario i minori (0-17) che viaggiano con il genitore o con i genitori non sottoposti a isolamento perché in possesso di certificato vaccinale o di certificato di avvenuta guarigione.

Nel caso in cui il minore (6-17) non presenti il tampone con esito negativo effettuato prima della partenza, ha obbligo di isolamento fiduciario (eventualmente con un genitore).
 

Si applicano le seguenti eccezioni, a condizione che non insorgano sintomi di Covid19:

1. Esenzione dall’obbligo di presentazione di certificazione verde:

a) equipaggio dei mezzi di trasporto;
b) personale viaggiante;
c) movimenti da e per Repubblica di San Marino, Stato della Città del Vaticano;
l) lavoratori transfrontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro alla propria residenza, abitazione o dimora;
o) alunni e studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale ritornano ogni giorno o almeno una volta la settimana

Nonché:

  • chiunque transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a 36 ore;
  • chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle 120 ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza;

In caso di superamento dei termini, si applica l’obbligo di isolamento fiduciario di 5 giorni con test finale.

2.

  • Chi rientra in Italia con mezzo privato dopo una permanenza di durata non superiore a 48 ore in una località estera, situata a distanza non superiore a 60 km dal luogo di residenza, domicilio o abitazione in Italia
  • Chi arriva in Italia con mezzo privato e permane per una durata non superiore a 48 ore in una località italiana situata a distanza non superiore a 60 km dal luogo di residenza, domicilio o abitazione all’estero

non è soggetto ad alcun obbligo (né modulo dPLF, né certificazione verde, né comunicazione al Dipartimento di prevenzione).