Login

L’ASSESSORE REGIONALE AL WELFARE GALLERA INCONTRA L’ATS DELLA BRIANZA E LE ASST DEL TERRITORIO

Martedì 4 Ottobre l’Assessore Regionale al Welfare Giulio Gallera ha incontrato presso la sede dell’ATS della Brianza le direzioni strategiche dell’ATS e delle ASST di Lecco, Monza e Vimercate. Insieme al Direttore Generale al Welfare Giovanni Daverio, l’Assessore Gallera ha trascorso due ore con i manager della sanità locale per discutere con loro delle azioni messe in campo, sul territorio di competenza, in attuazione della Legge Regionale 23.

L’incontro, coordinato dal Direttore Generale dell’ATS Massimo Giupponi, ha avuto come tematica principale appunto l’aggiornamento sull’attuazione della Legge Regionale 23/2015 che ha definito i nuovi indirizzi per l’evoluzione del sistema sociosanitario lombardo.

L’Assessore Gallera in apertura ha sottolineato che “questo momento di lavoro è fondamentale per condividere con voi informazioni molto importanti sullo stato attuale dell’applicazione della riforma e per conoscere più concretamente le vostra azioni e raccogliere così spunti per lavorare insieme per un sistema sempre più attento ai bisogni dei cittadini”.

L’Assessore ha poi voluto fornire qualche indicazione sui tempi e alcune modalità con i quali gli enti lombardi dovranno confrontarsi: “Abbiamo un anno per dare concreta applicazione alla riforma e questo cambiamento deve essere percepito dalla cittadinanza grazie all’efficace introduzione del paradigma -dalla cura al prendersi cura-. In Lombardia ci sono 3 milioni e mezzo di possibili pazienti cronici e a questi dobbiamo dare evidenza del nostro lavoro in rete con un meccanismo di presa in carico efficace e totale del paziente”.

Gallera ha poi voluto sottolineare il lavoro compiuto da ATS e dalle ASST: “Vedo che siete molto determinati, state già facendo passi importanti e li faremo nostri per definire le prossime azioni. In questo territorio si vede un’elaborazione avanzata, un grande lavoro di ricerca e coinvolgimento sia tra voi che con gli altri soggetti come i medici di base e i Comuni.”

Infine un invito per il proseguio dei lavori: “Create sempre più momenti di confronto anche all’interno dei vostri enti, con i vari primari e responsabili, andiamo avanti con determinazione perché il nostro meccanismo innovativo in Lombardia dovrà essere da modello per tutta Italia”.

Il Direttore Generale dell’ATS della Brianza Massimo Giupponi ha ringraziato l’Assessore e il Direttore Daverio, per la presenza e per l’attenzione avuta in questi mesi e ha voluto illustrare brevemente i passi compiuti dall’Agenzia ma soprattutto dalla rete che si è creata: “Fin da subito abbiamo portato avanti un’interlocuzione con i Comuni, i due Consigli di Rappresentanza dei Sindaci e tutti gli altri soggetti, partendo da briefing settimanali tra noi Direttori Generali di ATS e ASST. Abbiamo creato inoltre un momento di confronto con le Reti di Offerta Socio Sanitaria Integrata coordinati da ATS insieme ai Comuni, che hanno prodotto tavoli di confronto con moltissimi organismi dell’area sanitaria come Medici, Pediatri e Farmacisti, e dell’area socio-sanitaria e sociale di cui fanno parte tanti enti, consorzi ed associazioni attivi sul territorio.”

Giupponi ha sottolineato un’eccellenza prodotta da questi lavori. “Abbiamo investito dal principio sulla comunicazione e sull’attività formativa, passando poi a momenti di costruzione che hanno portato all’Accordo Territoriale per il Welfare Partecipato, un patto firmato con gli attori del sistema coinvolti in questo processo di cambiamento”.

Infine, il DG dell’ATS ha fatto il punto sulle molte applicazioni già in essere della riforma: “Stiamo definendo il nuovo POAS, abbiamo trasferito in modo puntuale le funzioni dall’ATS alle 3 ASST, fatto un’analisi puntuale sull’offerta territoriale e le esigenze del territorio e, infine, siamo la prima ATS che ha deliberato sull’attivazione dei nuovi Presidi Socio Sanitari Territoriali per la presa in carico dei pazienti”.

I Direttori Generali delle 3 ASST del territorio, Stefano Manfredi di Lecco, Matteo Stocco di Monza e Pasquale Pellino di Vimercate, hanno a loro volta presentato i cambiamenti messi in atto nelle Aziende dirette e le politiche integrate che li hanno visti protagonisti.

Infine, Il Direttore Generale Welfare di Regione Lombardia, Giovanni Daverio ha offerto uno spunto interessante per portare avanti azioni efficaci: “Partite sempre da un’analisi molto puntuale sulla domanda in modo prioritario. Tutto deve nascere dalla domanda, che sappiamo essere differente a causa delle diverse e specifiche esigenze, da questo nasceranno risposte diverisificate che permetteranno di creare un sistema efficiente”.