ats-brianza.it

News Online
Pubblicato l'avviso pubblico per la costituzione di un elenco aziendale di avvocati libero professionisti
Martedì, 07 Luglio 2020

AVVISO PUBBLICO per la costituzione di un Elenco aziendale di avvocati libero professionisti cui...

Prosegui...

Servizio di continuità assistenziale stagionale per turisti
Lunedì, 06 Luglio 2020

SERVIZIO DI CONTINUITA’ ASSISTENZIALE STAGIONALE PER TURISTI - EMERGENZA COVID-19 Il servizio è...

Prosegui...

IMAGESostegno alle Associazioni del Terzo Settore anno 2020. Criteri e indirizzi generali per la presentazione delle proposte progettuali.
Venerdì, 03 Luglio 2020

  Sostegno alle Associazioni del Terzo Settore anno 2020.  Criteri e indirizzi generali...

Prosegui...

IMAGEOndate calore 2020
Giovedì, 02 Luglio 2020

"Come di consuetudine, anche quest'anno ATS-Brianza mette a disposizione dei cittadini informazioni...

Prosegui...

Commissione GAS TOSSICI
Venerdì, 26 Giugno 2020

Commissione gas tossici La Commissione GT, in relazione all’eccezionale situazione di emergenza...

Prosegui...

Ingresso e soggiorno in Italia per cure mediche

I cittadini stranieri che intendono avvalersi della possibilità di ricevere cure mediche in Italia possono richiedere, per sé ed eventualmente per un accompagnatore, uno specifico visto d’ingresso alla competente rappresentanza diplomatica o consolare italiana presente nel Paese di appartenenza.
Una volta entrati in Italia, ed entro 8 giorni, si deve richiedere lo specifico permesso di soggiorno alla Questura del luogo dove si intende usufruire delle cure. In assenza del visto, la presenza sul territorio nazionale sarà considerata  irregolare.

Documentazione necessaria

  • certificazione sanitaria, attestante la patologia;
  • dichiarazione della struttura sanitaria italiana prescelta, pubblica o privata appositamente accreditata, che indichi tipo di cura, data d’inizio e durata presumibile della stessa e dell’eventuale degenza prevista;
  • attestazione dell’avvenuto deposito, a favore della struttura prescelta, di una somma cauzionale (30% del costo complessivo) sulla base del costo presumibile delle prestazioni richieste;
  • documentazione comprovante la disponibilità in Italia di risorse sufficienti per l’integrale pagamento delle spese sanitarie e di quelle di vitto e alloggio fuori dalla struttura sanitaria;
  • documentazione comprovante la disponibilità di risorse sufficienti per il viaggio di rimpatrio per la persona interessata ed eventuale accompagnatore.

N.B. La certificazione rilasciata all'estero deve essere corredata di traduzione in lingua italiana.

Asst Monza Asst Lecco Asst Vimercate salute4baby salute4teen