ats-brianza.it

News Online
IMAGECentri vaccinali Agosto 2022
Tuesday, 02 August 2022

  Centri vaccinali agosto 2022

Read More...

Avviso per la manifestazione di interesse per l’accesso all’indennita’ di cui all’art.19 novies comma 1 del dl n.137/2020 convertito nella legge n.176/2020.
Monday, 01 August 2022

Avviso per la manifestazione di interesse per l’accessoall’indennita’ di cui all’art.19...

Read More...

IMAGELa salute diseguale: laboratorio di analisi e proposte
Friday, 29 July 2022

Edizione unica 22/09/2022 - 29/09/2022 dalle ore 9:00 alle ore 17:00 C/o Binario 7 – Via Filippo...

Read More...

Fondo per il sostegno del ruolo di cura e assistenza del caregiver familiare - annualità 2021
Thursday, 28 July 2022

Con DGR n. XI/6576 del 30.06.2022 la Giunta di Regione Lombardia ha stanziato ulteriori...

Read More...

Home

 

           3     
 

 

Emergenza Ucraina: rafforzare le comunità dell'accoglienza

 

La guerra che ormai da qualche mese imperversa sul territorio ucraino ha portato molti cittadini ucraini a cercare ospitalità anche nel nostro paese.

ATS Brianza, insieme agli altri enti del territorio coinvolti, si è subito impegnata per accogliere al meglio i profughi ucraini nelle nostre province.

In merito all’assistenza sanitaria, rilascio del codice STP, accoglienza degli animali da compagnia, visite e vaccinazioni, è stato creato un modello di presa in carico che è possibile trovare sempre aggiornato al link

https://www.ats-brianza.it/en/azienda/news-online/2603-emergenza-ucraina-assistenza-sanitaria-dei-profughi-provenienti-dall-ucraina.html

ucraina

Ma abbiamo voluto pensare anche al sostegno psicologico di chi viene accolto sul nostro territorio.

È stato infatti presentato all'OCSM (Organismo di Coordinamento per la Salute Mentale e della Dipendenze) il percorso che ATS Brianza ha avviato, in collaborazione con le ASST, nell'ambito del sostegno psicologico ai cittadini Ucraini ospitati nel territorio e provenienti dalle zone di guerra dell’Ucraina. L’OCSM ha condiviso l’opportunità di portare avanti questo progetto e ha fornito alcune valutazioni che sono state integrate nel piano di lavoro.

Il progetto vede al suo interno, con la finalità di integrare le risorse a disposizione sul territorio, l'attività di cui all' Equipe Psicosociale dell' Emergenza e della Rete di Pronto Intervento Psicologico di ATS della Brianza, con le proprie specificità relative agli interventi in Emergenza.  Per L'equipe Psicosociale dell'emergenza potrà valutare, per i casi che giungeranno alla sua attenzione, l'invio di situazioni specifiche ai Consultori Familiari, alle UO di Psicologia Clinica o alle UO di Psichiatria, di NPIA , delle Dipendenze. 

“Accanto ad una presa in carico dei bisogni di accoglienza, sistemazione e gestione della presenza sul territorio dei rifugiati (specifiche in homepage del sito di ATS Brianza) - sottolinea il Direttore Generale di ATS Brianza Carmelo Scarcella – è necessario attivare percorsi di supporto del possibile disagio psichico connesso all’evento traumatico della guerra e del forzato esodo dei cittadini Ucraini”.

“Per garantire un percorso finalizzato alla tutela della salute mentale dei rifugiati – continua il Direttore Sociosanitario Antonio Colaianni - è necessario coordinare, consolidare e implementare la rete dei servizi che a diverso titolo si occupano sul territorio di accoglienza e cura dei rifugiati, con la finalità di favorire l'intercettazione precoce di situazioni di disagio psichico e, quindi, l’attivazione di adeguati percorsi di sostegno e di cura. Rafforzare le comunità di accoglienza è l’obiettivo che si vuole perseguire riconoscendo gli apporti specifici che ogni soggetto istituzionale sta mettendo in campo nell’accompagnare la presenza sul territorio dei rifugiati”.

ATS sta quindi portando avanti un progetto di intervento che, anche attraverso la Rete di Pronto Intervento Psicologico per l’Emergenza, istituita presso ATS Brianza, viene condiviso con gli stakeholder (referenti comunità ucraina, Istituti Scolastici di ogni ordine e grado, Comuni, Centri di Accoglienza CAS e SAI, Associazioni di volontariato, ecc.) così da facilitare l’emersione dei bisogni.